PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Il mio verso

Nient'altro avrei
potuto dirti con
parole umane,
e cominciai
a cantarti così,
a scriverti da lontano.
Eppure queste nostre
stanze,
queste lenzuola di
dubbia natura,
fatte di sabbia
o di freddo marmo,
di petali di rosa
o di celeste nostalgia,
le ritrovo pura
poesia di nobili
passioni, di
languidi piaceri,
di essenze mischiate.
E resto qui.
Quale sarà il mio verso?

 

3
2 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 29/06/2013 20:19
    non lo so non mi convince a fonde...è come se tu stessi bluffando... o giocando con il lettore!
  • Alessandro il 10/01/2013 13:16
    Parole umane che non bastano. Metafore raffinatissime per un comporre di alto livello.

2 commenti:

  • stella luce il 10/01/2013 13:29
    davvero belli questi tuoi versi... non è forse il verso spesso la vera essenza del nostro pensare...
  • augusta il 10/01/2013 10:48
    non c'è nulla da dire... semplicemente molto bella... quale sarà il mio verso... si vedrà con il tempo... non so se è una mia sensazione.. però ti trovo più matura...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0