username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Montagne dell'Irpinia

Fascinose cime
che s'ergono selvagge
su rustiche valli,
tra il verde frascame,
l'umide zolle
e gli aspri dirupi...

Gelide polle, tra bianchi scogli,
s'allungano pei ripidi sentieri,
tra lo stormir di fronde
al sibilo dei venti...

Antiche sonorità serali
riecheggiano dai borghi:
lo scampanìo d'un gregge,
i fischi dei pastori,
i cigolanti carri
e i secolari canti
di contadini stanchi...

Barbe incolte sulle vermiglie gote,
rami secchi agli angoli degli occhi,
mani incallite da consumate vanghe.
Al fianco le dignitose donne,
compagne nel lavoro,
compagne nella sorte...

S'allargan le narici
al fiuto di tabacco,
s'innalzano nell'aria
girandole di foglie,
e annega tra le rocce
il sole all'orizzonte...

Rintocchi di campane
raggiungono i crinali,
mentre la sera soffia
sul fumo dei camini...

Percorso dai sussulti
è il cor della zitella
che occhieggia
sovra l'uscio
in speranzosa attesa...

 

2
1 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Ferdinando il 27/10/2016 13:47
    ottima... complimenti.
  • marcello moiso il 10/01/2013 22:35
    Traspare l'amore per la propria terra, belle immagini di persone semplici e autentiche. Un vero e proprio "fotogramma" di un modo di vivere. Chiusa con dolce ironia...

1 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0