accedi   |   crea nuovo account

La storia del nano malefico

Un giorno lontano,
nacque sulla terra
un tempo chiamata
Ausonia,
un "nano malefico".
Mania di grandezza,
sempre lo caratterizzò
e forse
per compensar la statura,
fu così,
che con "ogni mezzo",
grandi ricchezze,
accumulò!

Quando,
"stimatori d'uomini",
volevano capire
come avesse fatto
in sì breve lasso,
simil ricchezze
ad accumulare,
sulla di lui vita,
cominciaron ad indagare.

Fu allora che,
per non farsi fermare,
un "partito" ad arte
fece progettare.
Di quel partito,
ei divenne il capo,
e in breve,
fu anche primo ministro
dello Stato!

Da subito,
giustizia si mise
a smantellare,
e leggi sui reati
si mise a mutare,
così che
i reati da lui commessi
non fossero più tali,
e le sue ricchezze,
potesse salvare,
ed altre, nel frattempo
potesse accumulare!

Gli "stimatori d'uomini",
intanto,
lo marcavan stretto

1234

1
7 commenti     4 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

4 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Raffaele Arena il 12/01/2013 21:41
    Poesia anatema, dove questo nano (che nella storia della repubblica italiana è forse l'ultimo, e sicuramente tra i due più rappresentativi di un paese sempre in bilico) continua a cercar una Biancaneve sempre più giovane, dove l'artero sclerosi è acclarata, dove comunque purtroppo rappresenta lo specchio di un popolo disorientato e arrabbiato di brutto. Bellissima e drammaticamente realistica.
  • Anonimo il 11/01/2013 18:55
    Speravamo di non vederlo più e di non sentire le sue ignobili sparate e i suoi gesti volgari. Invece, eccolo di nuovo alla ribalta, a disprezzare chi ha fatto le scuole serali (con fatica e impegno), a pulire la sedia dove si è seduto Travaglio e a dire, come i bambini dell'asilo, "Chi lo dice sa di essere"
  • Rocco Michele LETTINI il 11/01/2013 18:42
    UN RACCONTO FANTASTICO O... UN VERSEGGIO MIRABILE NELLA SUA IRONIA ET ELOQUENTE NEL SUO SAGGIO COSTRUTTO...
  • Auro Lezzi il 11/01/2013 17:10
    Credo che la carta vincente sia quella di non parlar più di lui... Leggo nel titolo un offesa ai nani... So così carini.

7 commenti:

  • Alessandro il 12/01/2013 11:30
    Nano malefico, cinico, falso e megalomane. Aspra critica a un supposto difensore dello Stato che ancora tenta di demolirlo.
  • loretta margherita citarei il 11/01/2013 19:20
    gargamella scusa il refuso
  • loretta margherita citarei il 11/01/2013 19:19
    garbamella e il brunetta puffo, son tornati... speravo di nn vederli più, apprezzatissima
  • stelsamo il 11/01/2013 18:20
    Non voglio offendere i nani in quanto tali: ci sono i 7 nani che sono buoni e simpatici; ma come tutti gli uomini, anche i nani posson esser buoni e cattivi; in questo caso... e poi non c'è nulla di male nell'esser nani: è solo un dato di fatto oggettivo che non può essere negato, come il fatto d'esser alti, magri, grassi, ecc..!
  • Anonimo il 11/01/2013 17:21
    ... Però sul "nano" sono d'accordo con Auro. Le offese ingiustificate non le condivido mai. Anche se so benissimo che ormai è la statura MORALE di quell'uomo che non si sopporta più.
  • Anonimo il 11/01/2013 17:19
    Il guaio, caro Auro, è che lui parla, e tanto in questo periodo, di se stesso, e continua ANCORA a imbrogliare le carte mentali di qualche ingenuo, o ad essere appoggiato da qualcuno della sua stessA "pasta".
  • Anonimo il 11/01/2013 14:46
    Speravamo proprio di non dover parlare più di lui e delle sue tante porcherie, invece -e sempre e solo per occuparsi dei suoi interessi personali, altro che amore per l'Italia!- è ancora in primo piano sulla scena, più arrogante che mai. Grazie, Stelsamo, di non lasciarmi quasi da sola a voler parlare -anche qui, nel regno della poesia- di quella politica-bene comune che io, nonostante tutto il gran soffrire che procura, continuerò sempre a considerare indispensabile amore.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0