PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

La mea culpa

La mea culpa infanga
il nome mio,
tra le stelle del ciel
non vedo più Dio

Come onde è il silenzio
che infrange il mio cor,
ogni singola polver
mi parla d'amor

Che strazio, assurdo,
è il dolce tormento
di colui che tinge il cor
d'un grigio argento

Oh, mio dolce,
mio dolce amor,
ogni fiore che colgo
sa del tuo odor

Il tuo nome urlar
ovunque io sento
dai canti di uccelli
ai soffi del vento

Ti chiamo, ti chiamo
il tuo nome ho scandito
son io senza voce?
O tu senz'udito?

 

1
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • Daniele Danh il 08/01/2014 16:00
    Grazie, gentilissimi... ^_^
  • silvia leuzzi il 27/12/2013 21:55
    Tra l'aulico e il perduto con una chiusa che è una chicca di tono e colore... bella
  • Anna Rossi il 20/01/2013 08:24
    deliziosa!.. una piccola perla.
  • Daniele Danh il 18/01/2013 10:32
    Grazie Salvatore, gentilissimo...
  • Anonimo il 18/01/2013 10:27
    Molto bella e formidabile la Chiusa. Complimenti!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0