PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Vi ho visto

Vi ho visto
avvinghiarvi come edere sui muri di vecchie case con l'intento di riscuotere una eredità di sole sempre promessa ma mai pagata occultando le finestre dei piani superiori

Vi ho visto
con fiori di mimosa in mano accendervi sul corpo delle vostre donne e calpestare la sensibilità delle loro anime

Vi ho visto
come uomini e mai come barbari posseduti dalla crudeltà della vostra mente commettere i crimini più efferati giustificandovi dietro paraventi ideologici

Vi ho visto
dove mai siete stati nel cuore preistorico della roccia in dorica goccia eruttiva

ed eravate
pure lave d'innocenza

colonne vertebrali di un tempio raggiante di calore e luce

autenticati
e mai dimenticati

da albe di interni cieli tersi di sole

 

9
5 commenti     5 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

5 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • giuliano cimino il 15/01/2013 00:05
    l'efferato e bruto compiere degli uomini misto all'amore degli uomini... sempre inappellabile sempre impagabile.. leggerti
  • Anonimo il 14/01/2013 19:51
    Ogni parola un tocco di campana, e come un tocco di campana diffonde l'eco per l'eternità... molto bella ma ancora molto più bello é il sentimento che da essa viene portato all'anima sensibile del lettore... Bellissima Vincenzo!!!!
  • Rocco Michele LETTINI il 14/01/2013 19:17
    HAI RIPRESO MINUZIOSAMENTE LO SCORRERE AFFETTIV... INVIDIABILE VERSEGGIO VINCE'...
  • roberto caterina il 14/01/2013 07:52
    Autenticati e mai dimenticati i tuoi versi tornano come lunghe edere ad avvolgere vecchie case...
  • Auro Lezzi il 14/01/2013 07:27
    Vincè, ma con te non ce se può nascondere un attimo...
    Scherzi a parte ho visto e letto una magnifica poesia che bussa ed entra dentro.

5 commenti:

  • Anonimo il 14/01/2013 17:42
    Questa tua la sento nel cuore Vincè. Versi profondi e condivisi.

    Bellissima, è un piacere leggerti!
  • Alessandro il 14/01/2013 13:35
    L'essenza della primordiale rozzezza umana, accostata alla grazia della passione innocente. Molto particolare
  • Anonimo il 14/01/2013 11:59
    Vincè, non mi dire che sono gli stessi che ho visto io! Ho visto forme bellissime inseguire ideali nobili, ma non ho mai visto alcun contenuto reale... Vincè è magnifica, parola di gatto nero!
  • Elisabetta Fabrini il 14/01/2013 09:51
    Bella, intensa, profonda... bravissimo come sempre!!
  • Annamaria Ribuk il 14/01/2013 09:20
    ... quando il tutto fa parte di noi... ora consapevoli...!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0