username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Sera d'inverno

Nebbia...
non si vede a un palmo
grido piano al mio cane
di velluto

sera d'inverno
prendimi

sera d'ovatta
illuminata
da astronavi

vorrei piangere...
e attraverso le strade
umide di lacrime.

 

8
6 commenti     5 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

5 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Elio Goglia il 15/12/2014 20:44
    Questi versi sono un inno alla paura della solitudine in una sera d'autunno in cui c'è solo nebbia, e pioggia alla quale l'autore paragona le sue lacrime. Lui è solo... non c'è nessuno in giro che possa fargli compagnia...
  • Pepè il 15/01/2013 11:13
    Poesia che parla di una solitudine interiore che viene ricercata. Trovo due interpretazioni alla chiusa:
    1) le strade che attraversa il protagonista sono umide delle sue lacrime versate in precedenti "passeggiate"
    2) le strate della solitudine sono, paradossalmente, affollate.
    Personalmente trovo più interessante la seconda interpretazione.
  • Maurizio Cortese il 14/01/2013 16:20
    Atmosfera sospesa e impalpabile in questa suggestiva poesia.
  • roberto caterina il 14/01/2013 07:43
    Un pianto di velluto blue... rende bene l'idea. Piaciuta.
  • Auro Lezzi il 14/01/2013 07:23
    Fantasticamente surreale come il tuo nome a Napoli:Biciè.

6 commenti:

  • rosanna erre il 15/01/2013 08:03
    certe volte sembra che l'esrerno rifletta il nostro sentire interno... (o magari è il contrario) e ci si sente un tutt'uno con l'universo (uauhh)
    che bello... seppur triste la tua poesia mi ha rimembrato codesta sensazione di sintonia con il creato (rara)
    ciao Vi
  • Anonimo il 14/01/2013 17:51
    La chiusa mi ha rattristato Vicenzo. In questa tua si percepisce tutto il tuo sentire.

    Versi belli e sentiti.
  • Alessandro il 14/01/2013 13:35
    Freddo fuori e dentro, la tortura di un'anima che alterna diversi tipi di brivido, fino alle lacrime.
  • Anonimo il 14/01/2013 13:08
    Spero che questa sera d'inverno si trasformi presto in una primavera dell'anima!
  • stella luce il 14/01/2013 07:38
    farsi rapire dalla sera... bei versi
  • loretta margherita citarei il 14/01/2013 06:46
    bella poesia, ben descritta la tristezza del'animo, come nebbia tutto scolora

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0