PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Come un incubo

Facce esposte su mega cartelloni
in tutte le pose, come foto fatte
alle spose. Ma son politici, che,

come di plastica.
Vota me, lo sài il perchè,
vota di là, che è come quà,

spot pubblicitari virtuali
che l'apparenza poche volte
è sostanza, anzi mai.

Impegnati, come sono
a mantener equilibri
oramai fuori controllo

se non per loro e famiglie.
E famiglie di famiglie,
finiti in fanghiglia.

E tentiamo di capire
di trovar un riferimento
un orientamento,

che ci hanno sradicato
appositamente, schifosamente
e adesso inerti, ogni giorno

come la fine del mondo,
e a mala pena, la forza
di una protesta desta,

che oramai, rotto il collante
ognuno protesta per sè
e tante televisioni per pochi.

(come incubo, troppo spesso).

 

3
7 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 14/01/2013 19:58
    UN INCUBO DAVVERO... PIU' DEL TUO CREATIVO RAFFAELE... IL MIO ELOGIO
  • stelsamo il 14/01/2013 18:04
    È un vero incubo vederseli li con le loro facce di "bronzo", ancora una volta, l'ennesima, a cercare di ingannarci ed irretirci con le loro false promesse che puntualmente disattendono una volta saliti al potere, potere che è fine a se stesso e serve loro per conservare privilegi ed arricchirsi alle nostre spalle! E la cosa peggiore, che oramai, lo fanno pure spudoratamente, senza remore ne vergogna! Ma alla fine, riusciremo mai a venir fuori da questo incubo? Bella e profonda riflessione che condivido! Molto apprezzata, complimenti!

7 commenti:

  • Francesca La Torre il 17/01/2013 07:10
    Come non darti ragione?. Piaciuta.
  • Antonio Garganese il 14/01/2013 19:14
    Tema importante ma risposta impossibile, come si fa a trovare orientamento? Si naviga a vista e si sopravvive alla meglio in un vero che somiglia all'irreale. Come un incubo.
  • loretta margherita citarei il 14/01/2013 15:53
    condivido, sono n incubo, apprezzatissima
  • laura il 14/01/2013 15:18
    Ormai una faccia equivale all'altra! Non importa più di che partito fa parte, sono tutti scarabocchi da cancellare dal cartellone! Frasi retoriche che nascondono falsità e che vengono dette solo sotto elezioni, per poi finire nel dimenticatoio! personaggi che entrano nelle nostre case con una mano tesa e il sorriso stampato in viso, solo per venderci meglio l'ipocrisia! Molto bella questa tua poesia bravo complimenti ciao
  • Anonimo il 14/01/2013 14:26
    Davvero difficile, ormai, districarsi tra gli annunci politici. Unico aiuto vero è per me avere qualcuno che conosco bene e di cui mi fido, che sono certa farà tutto il possibile, non per favorire i suoi interessi, ma per il bene dell'Italia ancora realizzabile, in questo oceano di vergogne morali.
    Grazie, Amico, per non disdegnare di parlare di politica. TRa poco dovremo votare e mai come oggi la nostra coscienza sarà assolutamente interpellata.
  • Alessandro il 14/01/2013 13:47
    Un incubo moderno, praticamente orwelliano, e terribilmente reale. Mi inchino e sostengo questo tuo grido d'allarme.
  • Vincenzo Capitanucci il 14/01/2013 12:16
    vota di là, che è come quà... un incubo...

    Molto bella Raffaele...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0