username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Risvegli fatti di cielo

Risvegliare Dio
dall'incubo
uomo

estraendo il dado della sorte dal brodo dell'ente
con
subitanee coraggiose emozioni nate in balzi di gola dal proprio animo poetico

sono gocce di sangue gemme di respiro perle di luce genuflesse nel bagliore del sole
quantificate parole trasformanti il pianto in canto

estremamente felici di cadere sul biancore muto dell'anima miagolando d'amore

rapide nel ratto feline nel tratto sincere di patto spontanee nel gatto follie da matto

risvegliare
l'uomo dal sogno astratto di Dio

in terrene operosità virtuose

dove patisti dolore sbocciarono le rose
condensando fatti di cielo in avvenenti grafie di realtà concrete

 

4
6 commenti     5 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

5 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 15/01/2013 19:19
    Che aggettivi si posson usare di fronte ad un magnifico poeta come Vincenzo... è un inno all'amore... se non ci fossi, dovremmo inventarti... Sublimi versi magnifica lirica!!!
  • Rocco Michele LETTINI il 15/01/2013 16:54
    "dove patisti dolore sbocciarono le rose"...
    DOPO LA PIOGGIA IL SOLE... ED ECCO INCANTEVOLI FIORESCENZE... LA VITA... IL SERENO... I TUOI MIRABILI VERSI UNICI E ORIGINALI... ELOGI VINCE'

  • Anonimo il 15/01/2013 10:35
    Un sogno profondo grazie ai dadi doppio concentrato che ne usi uno è fanno effetto per due. Lasciamo dormire tutti al miagolio del piagnisteo, magari quando si svegliano avranno più voglia di fare e meno di pippare col pensare per continuare a dormire. Un plauso per questo tuo tanto apprezzato!
  • Anonimo il 15/01/2013 10:24
    Magnifica pubblicazione che innalza il cuore dell'autore verso un Mistero grandissimo in cui risiede un amore sempre eterno. Opera apprezzata per stesura e contenuto. Sinceri complimenti.
  • Don Pompeo Mongiello il 15/01/2013 10:14
    Un laro veramente meritato per questa tua meraviglia.

6 commenti:

  • Anonimo il 15/01/2013 14:13
    Vincè, hai un modo di scrivere tutto tuo...
    "Risvegliare Dio
    dall'incubo
    uomo"
    Bella tutta la poesia, fa riflettere. Sempre originale e unico!
  • karen tognini il 15/01/2013 13:52
    Grande Vincenzo... semplicemente FANTASTICA!!!
  • Anonimo il 15/01/2013 13:25
    Davvero DIO dovrebb'essere ispiratore CONCRETISSIMO per coloro che credono sia Fonte del MONDO TUTTO; davvero il suo AMORE concepito dovrebb'essere, nel VIVERLO, come qualcosa d'IMMENSO, se Fonte, ancora una volta, lo si ritenga di tutti gli amori esistenti! Dovrebbe!...
  • Alessandro il 15/01/2013 12:52
    Già i primi tre versi portano una carica di riflessioni esistenziali non da poco!
  • Anonimo il 15/01/2013 10:38
    Vincè scusa per qualche refuso un po' da intruso, ma la tastiera mi funziona come una caffettiera!
  • Annamaria Ribuk il 15/01/2013 10:11
    ... risvegliare l'uomo dal sogno astratto di Dio...
    non è semplice, ma possibile... Ann!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0