PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Ipotalamo

Ricordo ancora,
ai tempi della scuola,
lezione di biologia,
una delle tante.
L'insegnante ci parlò dell'ipotalamo...
Non riuscivo a credere di aver nel cervello
una cosa così e di non saperlo.
Fino a qualche ora prima
non ne conoscevo nemmeno il nome...
Non l'ho più scordato quel giorno.
Ci disse che tra le tante,
l'ipotalamo,
regola la temperatura corporea;
Così, da allora,
ogni volta che sudo o che tremo
penso a quell'ombra scura nella mia testa.
Col passare degli anni
mi sono accorto che
i medici,
non hanno sempre ragione!
Forse,
danno per scontate alcune cose
Forse,
sperano che sia tutto giusto quello che credono
Forse,
sperano di crederci e basta.
Da quando non ci sei
una sensazione di freddo intenso,
come camminare sul fondo di un lago ghiacciato,
non mi ha più lasciato.
Forse,
il mio ipotalamo ti aveva scambiato per il Sole,
incasinando anche il mio ritmo Circadiano
Forse,
quella macchia scura nella testa
è solo un alibi del cuore
per non assumersi le sue responsabilità...
Bisognerebbe trovare un po' di tempo
per spiegarlo ai dottori...

 

1
2 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Giulia Aurora il 30/12/2013 12:57
    Già dottori psichiatri e filosofi non l'hanno spiegato l'amore la mente non spiega il cuore

2 commenti:

  • Raggio Di Luna il 21/01/2013 21:22
    c'è un freddo che è difficilissimo da scaldare, ma questo non te lo spiegano alla facoltà di medicina.. se sei un medico in gamba lo capisci però.. e non puoi che prendere la mano e con essa il cuore del paziente tra le tue mani, sperando di scaldarlo un po..
  • stella luce il 18/01/2013 07:25
    non puoi spiegare ai dottori l'amore, l'amore non è un fattore biologico che puoi studiare sui libri, magari!!!!... versi molto particolari e densi di un profondo dolore...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0