PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Cade la neve

Cade la neve
e sembra stanca la terra
sotto il cielo grigio
sempre uguale
ci sono ancora case
comignoli che fumano
e nessuna pace

Siamo fatti per esser strappati
nessuna cosa dura
si perdono gli amori
tutti quelli che amiamo
dopo ogni spettacolo
si ripongono gli attrezzi
dietro il sipario
in silenzio
e col cerone che cola

E sono ancora qui
a chiedermi il senso
adulto mai
solo
sempre aspettando

 

2
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • ciro giordano il 27/01/2013 09:35
    grazie Alessandro, e scusa il ritardo
  • ciro giordano il 27/01/2013 09:30
    Eos cara, grazie... scusail ritardo ma solo ora comincio a prendere dimestichezza col sito... un abbraccio
  • ciro giordano il 27/01/2013 09:29
    grazie ninetta, il tuo commento è attento e significativo per me.. da rifletterci su
  • antonina il 27/01/2013 07:13
    Caro Ciro, questa poesia è bellissima e offre tantissimi spunti di riflessione. La vita, il senso della vita.. difficile da dirsi. Domandarselo rivela di per sé stesso quanto sia difficile definirlo, oppure rinvenirlo. Certamente non è raggiungibile in solitudine, ma rivela qualcosa della sua natura unicamente nei rapporti con gli altri e con il mondo che ci circonda. Ci interroghiamo, a volte senza rendercene compiutamente conto, su cosa ci sia dietro o cosa giustifichi il come. Nessuno, in alcuna epoca di cui abbiamo memoria storica, ha trovato una soluzione definitiva, valida per ogni essere umano. anch'io come te aspetto.. nel frattempo cerco di godere delle cose semplici che la vita ci dona.. un abbraccio
  • carmela marrazzo il 16/01/2013 18:29
    di spettacolo in spettacolo si consuma il tempo della nostra vita...
    ma il teatro del mondo resta aperto, altri attori subentrano a chi lascia...è giusto che sia così, ma è triste, così triste "essere strappati" senza avere avuto neanche il tempo di comprendere che ruolo era il proprio.
    mi mancavi arturo!
    ti abbraccio
    eos qui carmela marrazzo
  • Alessandro il 16/01/2013 14:26
    Inverno malinconico di chi si è scoperto adulto, stanco e smarrito. Piaciuta.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0