username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Solo

Ritratto astratto
di ciò che non sono
un gatto matto
che poi alla fine sono io
fogli volano via..
i miei..
persi tra, chissà
quale città
dal ritratto di paesaggio
in paesaggio

I demoni che bruciano dentro
e poi, alla fine quel solito treno lento
che percorre le strade
che vaga nei campi

Scrittore del nulla
che nulla vuol dettare
solo piene onde come parole
dove fanno l'amore?
in qualche foglio di carta gettato via..
dove fanno l'amore
per poi diventare canzone... "E così sia"
come fanno da sfondo
di giorno in giorno
dalla paura, di quei miei fantasmi
che percorrono la vita, la mia
conoscendo ogni angolo, in ogni dettaglio [del mio animo
che mirano al cuore come miraglio

Fruscii di vento che gela la campagna
zanzare di bosco di tramontana
dalla pianura del cuore
che mette troppo pudore
alle mie parole...
alle mie parole..

Distorto e mai morto
il poeta che è in me
un misto di gioia e pace
mi trema ancora la voce
brucia risorto
il poeta che vive in me
ancestrali recondite paure
odiate a dismisura
dalle mie radici alle tue misure
delle tue nude fragilità carnose chiaroscure

Nelle vite recenti di un altro albore
ho già visto sprecato di tanto amore

12

3
6 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 17/01/2013 07:10
    UN PROFONDO VERSEGGIO DETTATO DA LE INSIDIE QUOTIDIANE CHE S'ABBARBICANO AL NOSTRO VIVERE... IL MIO ELOGIO GIULIANO...
  • marcello moiso il 17/01/2013 00:40
    Un caleidoscopio di immagini fitte-fitte... che non mancano di trasmettere emozioni e suggestioni a chi legge.

6 commenti:

  • romana il 04/02/2014 00:16
    Un guardarti dentro, una lirica che canta il quotidiano con tutte le insidie che si accostano e ci fanno pensare...
  • loretta margherita citarei il 17/01/2013 16:56
    bella poesia, apprezzatissima
  • stella luce il 17/01/2013 09:50
    stupenda Giuliano, quei fantasmi che sono in tutti noi ci faranno diventare migliori... e colei che illumina i tuoi occhi sarà quella luce che guiderà il tuo passo... anche se credo che interiorimente si sia sempre soli...
  • Vincenzo Capitanucci il 17/01/2013 08:14
    e lei bussa nel tempo tra terra e vento... mentre quel solito treno lento... procede verso il monte dell'immenso...

    Molto bella Giuliano...
  • Michele Loreto il 17/01/2013 04:24
    Nulla sarà mai sprecato dell'amore, soprattutto quando si possiedono i suoni e le parole per descriverlo.
  • Alessandro il 17/01/2013 00:36
    Una ricerca interiore verso l'ispirazione, tanto lunga quanto complessa.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0