PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Oceano

Mattina uggiosa.
Nuvole cariche di gocce di amarezza..
troppo grevi per non cadere..
Ed io..
Immersa in quest'oceano di sangue acido
alla ricerca di una boa a cui aggrapparmi per prender respiro..
Gli alberi si dibattono al vento
perdendo fiori e foglie,
risucchiate anch'esse nel vortice della tempesta..
cadendo si invischieranno, loro malgrado, nel sangue..
La pelle si spacca,
trasuda lacrime e veleno..
Nessuna boa per me.
Ma una spada si erge all'orizzonte,
precaria,
appesa a chissà quale filo..
Quella fredda lama tagliente appare ora l'unica mia salvezza.
Issandomi le mani si sfaldano..
altro sangue va ad aggiungersi
a quell'oceano tumultuoso..
mi scende per gli arti coprendomi il volto..
Ma la salvezza è effimera come tutte le cose..
e allargando le braccia mi lascio cadere..
giù, sempre più giù..
Occhi aperti, spalancati.
E nel film dei miei ricordi
finisce così la sofferenza mia..
E finalmente... Silenzio.

 

0
2 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 18/01/2013 16:04
    Prova a ricordartela a memoria. Poveri studenti!
  • Rocco Michele LETTINI il 18/01/2013 15:18
    OCEANO DI STILLE AMARE EMPITO DAL QUOTIDIANO VIVERE...
    SOLO UNA TRISTE POESIA... LA MIA CONSIDERAZIONE MARGHERITA...

2 commenti:

  • Anonimo il 18/01/2013 15:48
    Mi è insopportabile la partecipazione superficiale al dolore altrui. Non ho pace fino a quando quel dolore non si sia mutato in nuova ricchezza interiore, in possibilità di gioia nuova, diversa, più grande.
  • laura il 18/01/2013 14:59
    il dolore descritto è molto forte, è un dolore che non lascia spazio alla quiete! Quando si soffre così profondamente, non si vedono ancore di salvezza, intorno a noi vi sono solo spade taglienti.. ma la verità e che siamo noi a non vedere queste ancore di salvezza, ma ci sono! sono vicino a noi pronte a darci una mano per uscire da questo mare di sangue! LOa tua poesia è molto bella, la sento molto vicina a me e sono sicura che la gioia prenderà il posto del vuoto! Complimenti ciao

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0