PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Struzzi

Un vacuo volgere di ore
questo ruotare quotidiano
gravato, dagli attriti del banale
dei nostri giorni uguali
che cantano le lodi
al solo dio denaro.

Quel che rimane?

È fumo di turibolo
parole, bruciate nell'aria
del centro commerciale
che pone i sogni su degli scaffali,
e un falso prezzo da pagare,
tutto è più caro, quel che si perde
ma il mondo, orbo, altro non vuole
se non la sabbia dove sprofondare.

 

4
1 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • ciro giordano il 02/07/2013 22:31
    lucida, ed ampiamente disillusa... come darti torto? Anch'io la penso così...
  • Anonimo il 19/01/2013 13:01
    Sul trono della banalità hai posto il mondo e e i suoi turiboli d'incenso.
  • Rocco Michele LETTINI il 19/01/2013 12:30
    SE UNO BUSSASE A LO FIGURATO DI STRUZZO... ELOGEREBBE COTANTO SUBLIM VERSICOLATO... IL MIO ELOGIO FRANCO...

1 commenti:

  • Alessandro il 19/01/2013 13:53
    Un mondo orbo che preferisce nascondere la testa sotto la sabbia, per non dover affrontare problematiche ed esami di coscienza.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0