PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Il boccone amaro

Se stanco sei di un piatto
d'inerzia riscaldato,
di lacrime sussulta,
scongela le tue pene.

Risulta un po' salato,
terribile all'olfatto,
ma è fresco e più genuino
di un pasto di catene.

In illusion di forza,
nell'omertà, ingoiamo
silenzio un po' indigesto;
"Il pianto è del bambino,

è vizio dell'infante!"
pensiamo, simulando
virtuoso ristorante,
e guai a bucar la scorza!

Insipido è l'orgoglio
del cuoco disonesto
che cela gli ingredienti,
tradendo il sentimento.

Coraggio di soffrire
è il vero condimento,
il lievito è il cordoglio
per chi sa usare i denti.

 

8
5 commenti     4 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

4 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 20/01/2013 08:34
    La sofferenza non è facile da digerire; è come un boccone amaro che, prima di essere metabolizzato dall'anima, deve necessariamente essere elaborato dalla mente. Accettarla e conviverci, non è un'impresa gradita per nessuno, ma certamente trovare il coraggio per affrontarla, distruggerla e superarla, è uno sforzo che, alla lunga, ripagherà ogni attimo doloroso vissuto con soddisfacente consapevolezza dell'essere divenuti anche più forti. Ovviamente questa è una mia personale considerazione, gentile Alessandro. Ritornando alla lirica i versi sono incisivi, tristi ed amari.
  • Anonimo il 19/01/2013 20:10
    Un chiudersi... un ripiegarsi sull'anima... amara e intensa... triste consapevolezza. Splendida
  • Anonimo il 19/01/2013 18:06
    coraggio di soffrire... sentimenti che lievitano... il dolore ti prende e come lievito cresce... molto sentita ed apprezzata
  • Don Pompeo Mongiello il 19/01/2013 15:51
    Con il pollice in su dico si a questa tua straordinaria davvero!

5 commenti:

  • Vincenzo Capitanucci il 21/01/2013 10:09
    stringere fra i denti... il dolore... fino all'ultimo boccone...

    Bellissima Ale... andare avanti... senza rifugiarsi in lacrime infanti...
  • Pietro Saltarelli il 21/01/2013 08:40
    "Il pianto è del bambino, è vizio dell'infante!"
    È vero, con questa scusa tendiamo sempre a nascondere i nostri sentimenti e disimpariamo a soffrire ed a utilizzare la sofferenza come coraggio e possibilità di cambiamento.
    Anche se dura, la sofferenza diviene se vissuta con il coraggio di "usare i denti", una vera scuola di vita, che ci porta a scoprire la nostra vera essenza, la nostraconcretezza e il nostro limite. Ma prendendone coscienza, miglioriamo e diveniamo più forti. Se poi lo facciamo anche con la Grazia e la Luce della Fede, allora...
    Ti Benedico...


  • Anonimo il 20/01/2013 17:42
    Intense e significative le prime due strofe. Condivisa l'ultima.
    Bravo Alessandro, molto bella, fa riflettere.
  • Anonimo il 20/01/2013 15:22
    Un coraggio della sofferenza che nasce dalla dignità e dalla libertà personale accompagnate dalla presa di coscienza del proprio stato. Molto bella e significativa.
  • Gianni Spadavecchia il 19/01/2013 16:49
    Quando si dice: "Questo è pane per i miei denti!". Piaciuta la parte del cuoco disonesto e del coraggio, miglior condimento in assoluto. Apprezzatissima.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0