username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

... giorno e notte

... la notte non è nera come credi
c'è luce in strada e i semafori,
le ragazze e i ragazzi che giocano
mostrando che la vergogna non esiste.
Il giorno arriva
e gli alberi crescono di un altro poco,
il canto degli uccelli,
credo che ho perso di nuovo,
stacco la nebbia dal panorama
per vedere meglio come si contorcono le nuvole
in un coraggioso tentativo di essere nuove.
Sono cose che mi occupano
e preoccupano.
Ti ricordi quando ci siamo visti la prima volta
ti ho detto che volevo fare l'amore
è stato il modo migliore per iniziare a conoscerti,
sinceramente,
mi sento strano quando non sei con me.
Per me l'amore è un tacito accordo tra due menti
con l'aggiunta di un po' di divertimento
una cosa seria
anche quando si fa allegramente.
Sono queste le cose che penso
quando con lo sguardo mi allontano.
Sono una specie di idiota inedito,
ma cosa importa se non mi capisci?
A volte mi sembra di cadere nel vuoto
quando sarebbe meglio dormire...

 

3
1 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • marcello moiso il 19/01/2013 19:37
    Così sei giunto qui col tuo caleidoscopio di immagini.
    Buon viaggio poetico, caro amico.
  • roberto caterina il 19/01/2013 15:24
    Fantasie amorose, seri e giocosi amplessi "quando sarebbe meglio dormire", trovo magistrale l'autoironia della chiusa...

1 commenti:

  • Alessandro il 20/01/2013 00:36
    Un po' confusionaria e metricamente scomposta, ma bella atmosfera di apprensione amorosa.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0