accedi   |   crea nuovo account

Vitae magistro

Lo maestro
de gran oratoria
seguito fuit
da li discepoli
savi,
ma non troppo;
poiché a lo primo sventolio
de gonnelle
a lo vento pazzerello,
che a nudo
le gambe belle
de giovani mone
mettea,
co esse
svaniron tosto.

 

6
3 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 20/01/2013 19:34
    orginale e veritiera sempre in gamba Don bravo
  • Anonimo il 20/01/2013 12:37
    Ehm, come dicono dalle nostre parti... tira più un pelo di fica che un carro di buoi!
  • Rocco Michele LETTINI il 19/01/2013 19:08
    FANTASTICO... IN UN LODEVOLE SCORRERE TANTO DI VERO...

3 commenti:

  • Vincenzo Capitanucci il 20/01/2013 12:14
    Bravo Don...è la vita... per il tema trattato mi ricorda una poesia di Kenneth White... durante tutta una mia conferenza... sulla poesia e la spiritualità nell'arte... non potei staccare i miei occhi dalle gambe di una ragazza seduta in prima fila..
  • Alessandro il 20/01/2013 00:39
    Davvero divertente! Gli uomini sono pur sempre uomini...
  • agave il 19/01/2013 18:39
    simpatica e con bella sonorità

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0