username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Ancora il giorno

La terra è ancora fredda
gli occhi mutano
dalle ombre alla luce
e
fugge l'incanto dell'alba
al suono dela vita che si sveglia.
Ti vedo giorno tanto atteso
tra le ombre ormai chiare
tra pensieri
taciti e servili
lontani dalle tempeste.
In giardino gli arbusti
s'inarcano alla brezza marina
che sale a carezzare
il mio cuore gemente e insonne.
Tra i flutti il giorno emerge
e
i suoi raggi fioriscono le ore.
Vieni giorno!
piccolo spazio aperto tra
domani e futuro.

 

4
5 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 19/01/2013 21:42
    Una perla... per l'immortal scrigno della poesia.
    LA MIA LODE ANTONINA...
  • marcello moiso il 19/01/2013 19:21
    Mi pare, uno di quei piccoli gioielli scolpiti con grazia e precisione.
    Assaporata.

5 commenti:

  • Fabio Magris il 22/01/2013 23:21
    Mi fai sognare con i tuoi versi...
  • antonina il 20/01/2013 10:00
    Si Alessandro, il tuo commento è bellissimo. Grazie.
  • Alessandro il 20/01/2013 00:40
    Il giorno tanto atteso che porta nuova fioritura e ci illumina il cammino, come una piccola finestra sul futuro. Apprezzatissima.
  • antonina il 19/01/2013 23:24
    Grazie Rocco, Marcello ed Antonio per i vostri graditi commentie per il benvenuto.
  • Antonio Garganese il 19/01/2013 19:32
    Dall'oscurità della notte al chiarore dell'alba. Notte di pensieri che porta un nuovo giorno e qualcosa in più ancora da scoprire. Ben arrivata.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0