accedi   |   crea nuovo account

Torrente di paese

Scorri sinuoso gorgogliando
insinuandoti nel cuore del paese
tre fronde ombrose e prati in fiore.

Il tuo letto custodisce fiabe sbiadite
sussurrate di bocca in bocca;
giochi proibiti da madri ansiose
che temevano il tuo fluire,
segreti mai svelati
tra le zolle eterne dei ricordi.

Le corse d’infanzia portavano ad intrecciare
le lunghe liane
d’un salice vibrante al vento
che accarezzavano le tue acque
ed a cercare tra le tue sponde
primule luminose di primavere esplose
sotto un cielo turchino.

Quanti fragili castelli di canne
quante battaglie di fantastici indiani
hanno visto le tue acque
ed immaginari armenti
con cui combattere nemici di vento.

Quanti amori sono nati nelle sere
dopo tramonti silenziosi.

La luna tingeva d’argento
i voli di stupore,
sguardi ammaliati
mani unite per la vita
o per soltanto una sera.

Il gorgoglio diveniva ansito
diveniva impeto di gioventù
consunta tra le tue sponde

Lontano da te le rughe del mondo
il rimpianto d’un passato sbiadito
che sento di possedere
perché tu
torrente di paese
mi scorri come il sangue nelle vene.

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • alberto accorsi il 04/09/2007 18:30
    Buona la prosa poetica. Trovo manchi della tensione caratteristica dei versi.
  • Anonimo il 22/08/2007 21:58
    Che dire Marilena, anche questa tua melodiosa poesia è veramente bella, descrivi la natuta(madre della mia essenza) in maniera sublime. Mi eri sfuggita, ma da oggi ti leggerò. Ciao

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0