PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Eterno Tu

L'eterno
nasce dal cuore

prende
mani da una lacrima scivolata negli abissi del mare

occhi dal sole
capelli dal vento

labbra dal fuoco
corpo dalla terra

s'anima
in primordio d'Amore sulle clandestine scialuppe di un raggio di luna

vi è parte di noi negli angeli
sono la gemma ammutolita di una primordiale essenza

in un dolce fluire di acque ho reso lucide le mie scale al Tuo sguardo

ho chiesto alle fragili mani dell'uomo un volo d'ingegno di spezzare l'oro delle spighe in fragranza di pane sedando la fame degli oppressi di attraversare i deserti della solitudine di ramificare l'ineluttabile corso dei cipressi con grappoli d'uva in ebbrezza di vino

sarebbe bastato guardare la bellezza del mondo sentirne l'abbraccio assaporarne le labbra dagli argini di un fiume dalle sponde del mare dagli occhi di un fanciullo

l'ala del giorno stempera i suoi oceanici affanni donando ai piedi della notte il respiro di un caldo sogno

sull'infinito immenso
scorrere del Tuo volto
nasce una stella

era lì da sempre persa nella luce per essere vista sdraiata sull'erba involta nel calice di un fiore dove tenevi custoditi nello scrigno dei profumi i Tuoi più cari segreti

l'eternità
è
un alito di cielo celato a sé stesso per timore d'infrangerlo
è
il sentito battito del mio levigato intramontabile cuore posarsi sulla emblematica terra del Tuo essere Amore

 

4
3 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 22/01/2013 19:45
    Splendida e appassionata lirica che articola dolci e preziosi pensieri con parole sgorgate da un fine e soffice sentimento che scivola ad accarezzare la pelle sui desideri dell'anima... stile impeccabile e coinvolgente... Bellissima Vincenzo!
  • Anonimo il 22/01/2013 17:56
    Caro Vincè, a volte mi riesce difficile interpretare le tue Poesie. Ma incantano come sentire una bella musica che ti amalia, ti fa stare bene, ti prende l'Animo... ipnotico per l'appunto.
    Bravissimo Vincè!
  • Rocco Michele LETTINI il 22/01/2013 14:34
    L'ETERNO TU NATO DAL CUORE E IL SANGUE DEL SUO CORSO NEL MARE DEL PIU' SUBLIME AMOR... L'INCANTO È PANE QUOTIDIANO VINCE'... COME NON RECENSIRTI SE LO POETAR AMMALIA...

3 commenti:

  • essen rosa il 09/02/2013 18:32
    a volte si va lontano alla ricerca.. e poi tutto e'quell'eternita' in un alito di cielo.. custodisco questi versi..
  • Don Pompeo Mongiello il 23/01/2013 09:26
    Molto apprezzata e piaciuta questa tua bella!
  • Anonimo il 22/01/2013 18:07
    L'eterno tu ed io fanno insieme l'infinito che si rispecchia in gesti e segni colti attraverso la meravigliosa meraviglia espressa dalle tue immagini umane elevate in spirito di luccicante sentimento. Bravissimo Vincè Capitané!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0