username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Il Sicomoro

Eternamente continuo a salire sul sicomoro
cieco viatore lontano da Dio.

Mi affardellano lungo il cammino
le mille vanità del mondo
che mi impediscono il passo
verso la primigenia Meta
che ormai più non vedo.

E con grande fatica salgo...
la vista impedita dalle squame della mia miseria,
i sensi ottusi dalla mia consolidata insensibilità,
con il desiderio e la fame nel cuore
di quel fango che Tu, Padre e Fratello,
amante di quell'umanità,
condivisa nella carne all'alba del Natale,

ancora una volta, passando,

porrai pietoso sui miei occhi,
immeritevoli e irriconoscenti.

 

2
8 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Raffaele Arena il 23/01/2013 20:47
    Poesia sentore di un sentimento di inadeguatezza a ciò che sente e vede attorno a se l'autore. Ma già l'esprimerlo in parole è indice di sentimento sopra la media che merita profondo rispetto. Lirica meravigliosa.
  • Rocco Michele LETTINI il 22/01/2013 19:37
    E PER META L'EDEN... IL DIVINO... LA PACE ETERNA...
    CHE QUOTIDIANAMENTE SCOMPAIONO A LA VISTA DE L'AUTORE E DI CHI CERCA SENTIERI DI LUCE E SI VEDE ATMOSFERE OSCURATE DA LE NUVOLE DE LE PERFIDIE... PERO' NON C'È NUVOLA SENZA IL SOLE... E ILLUMINATO IL CIELO RITORNERA'... IL "CELESTE" NON PERDE... ENCOMIABILE VERSEGGIO PREGNO DEL SUBLIM AMORE... IL MIO ELOGIO PADRE...
  • Centrone Stefano il 22/01/2013 19:07
    Poesia intensa nei suoi versi.
    Frasi che fanno intendere quella voglia che ha l'autore di arrivare alla meta che più non vede, ma che forte è il desiderio di arrivarci.
    Poesia intensa, come dicevo prima, ma molto apprezzata.

8 commenti:

  • Pietro Saltarelli il 28/01/2013 11:35
    Carissimo Alessandro, che gioia risentirti. Sono lieto che tu legga i miei poveri scritti, al di là di una mancata condivisione dei contenuti. Ma son certo che il Signore è più vicino a te di quanto tu creda. Io ti Benedico e prego affinché un giorno tu lo incontri con gioia e ti sia compagno di viaggio. A presto...
  • Pietro Saltarelli il 28/01/2013 11:31
    Cara Laura, tutti abbiamo bisogno di cercare la nostra Strada, che ci conduce verso il Padre e dobbiamo farlo, nel cammino della nostra vita, cercando, se l'abbiamo trovata, di illuminarla anche agli altri. Ti Benedico
  • Pietro Saltarelli il 28/01/2013 11:25
    Grazie Stefano, il Signore ti Benedica...
  • Pietro Saltarelli il 28/01/2013 11:24
    Grazie Stefano...
  • Pietro Saltarelli il 28/01/2013 11:23
    Caro Michele, la tua analisi è una lode e una lirica, segno di un'anima bella che cerca Dio. Ti Benedico..
  • Pietro Saltarelli il 28/01/2013 11:21
    Grazie Raffaele, son contento che ti sia piaciuta...
  • laura il 22/01/2013 21:18
    un bisogno di raggiungere la sua direzione, la luce che per un attino sembra spenta! una poesia di ricerca interiore, molto bella ed intensa! mi è piaciuta complimenti
  • Alessandro il 22/01/2013 20:32
    Le mille vanità del mondo, ingombranti come pietre che ci ostacolano la salita verso qualcosa di più alto. Poesia molto apprezzata, al di là del sentimento religioso che non condividiamo.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0