accedi   |   crea nuovo account

Sole

il cielo con un dito tu mi fai toccare,
mi fai salire su, su, la sopra al mare,
dove albeggia serena
la quiete del sole piena
di sé e della sua luce
e quelle nubi che in quell'alba al sol conduce,
distante e attonito con il suo splendore,
mi ricorda la tua bellezza amore,
quando ti guardo sorridere
il sole albeggiante par ridere
e sentire la tua gioia
dacchè decise di toglierti la noia
delle grigie nubi e pioggia
che imperterrita e martellante al suol si poggia,
un raggio di luce vestito da donna
un diamante risplende la ove l'occhio s'assonna,
oh amore che nel cuor invano scalci
riprendi da qui tuoi stanchi tralci
santi quei giorni che incontaminato
lo sguardo si spargeva sul prato
e se ci son stati quei giorni felici,
or lo sono ancor di più per ciò che dici,
grazie tesoro alla tua fede
e al tuo cuor che'l mio vede
e gli dice imperterrito mentre lo chiama:
AMA!

 

4
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • loretta margherita citarei il 23/01/2013 04:39
    apprezzatissima e condivisa
  • laura il 22/01/2013 20:54
    una poesia in cui si descrive l'amore vero, quello che rende l'anima, il cuore e lo spirito sereni! una dedica bellissima, complimenti davvero! ciao
  • Alessandro il 22/01/2013 20:38
    Un Sole albeggiante che non scotta ma trasmette allegria ed energia. Molto carina.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0