accedi   |   crea nuovo account

Grazia

Sotta a sta fenesta
cu nu mandulinu
e na voce stunata,
na serenata
ma spiccio
a cantà;
ma sta fenesta,
puru roppu
e na sgulata,
nun sa spiccia
ad aprì,
e quannu
cu l'urdemu filo e voce
rico:
Ammore nun me fa cchiù patì
sinnò ma more.
Te vegu affacciata
là goppa
comma na Maronna
ca a grazia
me vo fa.

 

4
0 commenti     6 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

6 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 23/01/2013 20:24
    le serenate... per dichiarare il proprio amore all'amata,,, che bei tempi don...
  • Anonimo il 23/01/2013 16:44
    Molto bella, mi ha fatto sorridere. Mi ricorda i vecchi tempi...
    Bravissimo!
  • loretta margherita citarei il 23/01/2013 15:27
    una bella dichiarazione d'amore, piaciuta
  • Rocco Michele LETTINI il 23/01/2013 14:30
    IL DUO GIULIETTA-ROMEO NON MORE MAI... SIMPATICO FORGIAR VERNACOLESCO DI PASSIONE IN AMORE...
  • Anonimo il 23/01/2013 14:08
    Mi hai fatto giungere, in poetica fotografia, il ricordo della "finestrella di Marechiaro" e, con le parole in dialetto, la voce di Napoli. Il mio profondo amore per quella città e la sua gente ti dice GRAZIE.
  • Anonimo il 23/01/2013 13:20
    E meno male che non t'ha gettato 'na bacinella d'acqua gelata!

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0