PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Il posto delle rose eterne

Ho smesso di pensare a determinate cose.
La dimenticanza è ghiaccio
su vetri di cristallo opachi,
non aiuta a vedere.
In effetti
mi rendo conto che ho tradito
ognuno dei miei principi.
Tuttavia
mi estendo vacillando nella procedura
perso nei labirinti quotidiani,
nella contraddizione incredibile che stabilizza
sull'estremità acuta delle mie percezioni.
Per questo motivo
sono vicino su tutta la distanza
vicino sulla dimenticanza,
vado in posti comuni
perché niente è meno sicuro
e ciò che conosciamo non esistite.
Mi avvicino alla finestra e guardo lontano
il relativo è profondamente agitato
sulla bocca un germoglio medio di sorriso
mi estendo e non ignoro quell'affetto.
Nel mio giro
l'aroma ed il relativo colore
il tatto ed il relativo procedere
l'amore, un amore a luce intera
non condizionale o parziale
ma completo
che è la mia sede ed il mio rifugio.
So che è molto duro non sapere e simulare
è molto duro provare ad essere differenti
ma non mi preoccupo,
mi sono ferito e i desideri non realizzati
oggi si riposano
nel posto in cui le rose sono eterne.

 

1
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Nicola Lo Conte il 10/03/2013 19:53
    Non hai mai tradito i tuoi principi, né potresti essere diverso da ciò che sei...
  • Alessandro il 24/01/2013 21:16
    Fortemente evocativa. I desideri irrealizzati si rifugiano in un posto sicuro.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0