PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

La stazione

Non si respira
in questa folla di suoni
il fischio dei treni
partecipa al concerto.
Sui binari qualcuno
va in trionfo
strette di mano
a celebrare riti
e
stride intanto
l'obliteratrice
mentre sui vetri
si posano i respiri
lasciando impronte
come calda nebbia.
Poggio il piede
in questo bosco di vetro
di flora artificiale
profumo di carbone
arrosti e olio.
Un mondo sempre in corsa
frenesia incessante..
ma dove corri?
viviamo senza più sentire il cuore..
finchè c'è vita è tutto sulla schiena
dentro quest'aria uggiosa
dove la pelle suda
e la terra
non profuma più di sottobosco.

 

3
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • antonina il 25/01/2013 10:29
    Carissimo Fabio anch'io adoro le piccole stazioni... ogni volta che mi trovo in una grande città penso a chi ogni giorno vive in questa solitudine, perchè pur essendo in mezzo alla folla si è fondamentalmente soli. Un abbraccio
  • antonina il 25/01/2013 10:17
    grazie Ellebi per aver commentato, un saluto.
  • Ellebi il 25/01/2013 01:40
    Molto brava, hai magistralmente disegnato una stazione ferroviaria. Un saluto
  • Fabio Magris il 24/01/2013 23:55
    Piccole immagini vanno a comporre questa tua scena della stazione. Una stazione dove l'essere umano è letteralmente torturato da suoni e persino odori, frastornato dal tempo e dalla fretta...
    Vuoi mettere con una bella stazioncina di paese?...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0