username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Pensiero

le ali del vento mi fai solcare
intanto che nel fondo spumeggiante
risplende sereno e quieto quel mare,

che vide noi due persi davante
all'immensità delle sue grandi acque
mentre dal tenero usignuol passante

un canto levato all'inno poi tacque
quello stesso crudele e immenso cuore
che il mio prese e ruppe e poi ancora giacque,

sentendo l'anima un solco d'amore
torno nel cielo ove volare fai
il pensier mio i petali d'un fiore...

inno alla tua bellezza tu mi ispiri,
tra le lacrime i pianti c'ho versato
tra pene d'amore e mille sospiri,

ah quanto tesoro io t'ho sempre amato,
e ti giuro che continuerò a farlo
all'infinito lì, nel lontano orizzonte inoltrato...

se tu non fossi con me sarei perso,
se t'avessi incontrata prima adesso
di lodi sarebbe ornato il mio verso

sempre splendente sarebbe poi esso
la tua bellezza in conforto è trovata
acceso il cuore che di te poi è annesso
che la tua vita sia bella mia amata!

 

1
1 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Salvatore Masullo il 19/05/2013 16:08
    Bella poesia d'un verseggiare classico con rime alternate pregne di significato. Piaciuta!
  • marcello moiso il 27/01/2013 22:23
    Quanto amore in questi versi paludati d'antico.
    Belle anche le metafore usate.

1 commenti:

  • Alessandro il 27/01/2013 21:35
    Rimandi classici in questo componimento: il pensiero alato che volteggia nel cielo, accompagnato da un mare spumeggiante. Un volo efficace solo quando possediamo la giusta bussola.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0