username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

La mia camera

Sono questi i tempi
in cui ogni buco è tana
non ho una casa
se non me stesso
mi trovo accogliente a volte
ho un bel salotto
la cucina, piccola ma ingombra
il ripostiglio, pieno di non so che
È piena di cuscini
la mia camera
di libri sparsi, accatastati
al muro i miei vecchi miti
strappati, ancora lì
nulla muore mai
in me tutto si decanta
cambia forma
per non cambiare mai
Una finestra guarda un cortile
vuoto, antico
ed è in questo deserto
che ho affilato il cuore

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

5 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Ferdinando il 07/09/2015 09:47
    apprezzata... complimenti.
  • Anonimo il 27/01/2013 23:09
    Fantastica metafora. Tutti ci rifugiamo in noi stessi quando la nostra realtà ci opprime!
  • antonina il 27/01/2013 23:07
    Tutti abbiamo la nostra tana piena zeppa di vecchi miti strappati.. il nostro rifugio dove sentirci al sicuro, lontani da un mondo arido, vuoto, che non ha niente da offrirci... oppure c'è sempre un po' di paura d'essere fagocitati?
    sempre interessanti le tue poesie. Un abbraccio.
  • marcello moiso il 27/01/2013 22:11
    Il cuore d'un poeta, ingombro di storie e miti di una vita,
    si riflette nei suoi versi, sul filo di un'emozione.
  • Alessandro il 27/01/2013 21:37
    Una tana soffocante e disordinata, il pavimento ricoperto dai frammenti dei vecchi miti: le certezze sono scomparse. Azzeccatissima l'immagine della finestra che simboleggia un mondo esterno crudele e arido di sentimenti. Che dire? Complimentoni.

10 commenti:

  • ciro giordano il 02/02/2013 14:45
    non si cambia, mai... In questo senso il commento carmela mi riporta indietro nel tempo... grazie cara eos
    ti abbraccio
  • carmela marrazzo il 02/02/2013 12:38
    il cortile vuoto, antico è la fiocina dove origina e si forgia il nostro spirito, la sua vera dimora, quella cui anela imprigionato in una casa, il nostro corpo, che a volte risulta accogliente a volte troppo stretta per la sua sete di spazio, di aria, libertà... nn mi viene ii termine giusto!
    che bella Arturo! l'ho riletta con piacere.
    abbraccione
    carmela alias eos
  • ciro giordano il 28/01/2013 21:46
    sempre attento e gentile... grazie Fabio
  • ciro giordano il 28/01/2013 21:01
    l'amore? Ma quello c'entra sempre! Grazie Stella
  • ciro giordano il 28/01/2013 20:58
    il disordine sì, è veramente tanto... Ma quel cortile oltre ad esser vuoto èanche "antico", c'è una doppia valenza... grazie Alessandro
  • ciro giordano il 28/01/2013 20:35
    grazie moltissimo Marcello, ciao
  • ciro giordano il 28/01/2013 20:31
    è vecchia, forse non la ricordi... Per quanto riguarda la tua osservazione sì, la paura di essere fagocitati c'è, anche perchè la confusione in cui viviamo è veramente tanta, troppa... grazie Ninetta un abbraccione anche a te
  • ciro giordano il 28/01/2013 20:28
    È vero Simone... grazie
  • stella luce il 28/01/2013 11:28
    siamo tutti camere piene del nostro vissuto... e quel cortile vuoto aspetta di essere riempito da un amore che forse ancora deve arrivare...
  • Fabio Magris il 27/01/2013 22:51
    Sei accogliente e la tua casa ha un bel salotto, la camera è vissuta con miti vecchi ma non morti, sono ancora là cambiati ma ci sono sempre. Bella la chiusa, ammirevole.
    Metafore sempre particolari le tue. Complimenti

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0