username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Sempre ricorderò

ricordo, quando ero bambina
una giornata particolare

e mia nonna, in viso adombrata
dal suo comodino prendeva

una foto sbiadita per porla in vista
sopra il cammino,
adornarla di fiori ed accendervi vicino
un lumino.

In silenzio, poi si sedeva,
col rosario in mano pregava
e per ore ed ore piangeva.

Essendo allora tenera bimba,
non mi venne data
alcuna spiegazione
fino a quando, cresciuta
in età della ragione,

mia nonna mi svelò
chi fossero quei due sposi sorridenti
della sbiadita foto:
sua sorella e l'amato marito.

Lui era ebreo, lei cristiana,
uniti nel nome dell'amore

osarono sfidare
le razziste leggi del regime
unendosi in matrimonio.

Ma la Gestapo e la Milizia
informati da anonima segnalazione,
per porre fine alla scandalosa situazione,

li arrestarono e li portarono
alla stazione,
Auscwitz la loro destinazione

e lì morirono tra mille tormenti,
bruciati nel forno crematorio,
dispersa la loro cenere ai venti.

A nulla valsero i tentativi
della famiglia, degli altri parenti,

si vendettero proprietà,
terreni per comperare la loro libertà,

12

9
9 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 28/01/2013 10:55
    Storia vecchia, ormai impolverata da lo tempo eppure viva.
  • Anonimo il 28/01/2013 08:44
    Toccante e soprattutto vera. Mette a nudo non soltanto la crudeltà dei regimi che hanno perpetrato e appoggiato tali crimini, ma anche il vigliacco comportamento umano che, per nulla, vende il proprio simile, anche a costo di ucciderlo. Sì perché, ad uccidere quella coppia, non è stato soltanto il nazismo, ma anche chi li ha accusati. E tale azione è già un uccidere, moralmente, un proprio simile.
    Bravissima amica mia!
  • Rocco Michele LETTINI il 28/01/2013 05:52
    TOCCANTE NE L'INTIERA SEQUELA...

    ..."tramandare
    il ricordo
    per non dimenticare
    affinchè simili orrori, la guerra
    mai più si ripetessero sulla terra"...
    SAGGIO MESSAGGIO DA RIFLETTERE NE LA PIU' PERSONALE MEDITAZIONE... LA MIA LODE LORY PER QUESTO TUO VERSEGGIO "UNICO NEL SUO PROFONDO SENTIMENTO"

9 commenti:

  • Anonimo il 28/01/2013 20:04
    Toccante e profonda... molto bella... apprezzatissima!!
  • Anonimo il 28/01/2013 18:56
    Cara Lor, la tua testimonianza è molto toccante.

    Bravissima.
  • Alessandro il 28/01/2013 15:45
    Quei ricordi che si ripresentano quando contempliamo una foto ingiallita. Ogni tanto fa bene soffiare via la polvere, anche dai ricordi più tristi. Apprezzata
  • Vincenzo Capitanucci il 28/01/2013 14:00
    Una bellissima pesia-testimonianza L'Or... di quello che fu... di quello che è... e di quello che purtroppo sarà ancora... l'uomo ha imparato ben poco... le lacrime dei coccodrilli.. continuano a mangiare i loro figli...

    gestapo-milizie-segnalazioni anonime e non... ci sono ancora... e nuovi Sposi.. da uccidere... nel loro Amore...
  • Fabio Mancini il 28/01/2013 10:59
    Gli scritti autobiografici hanno sempre un alto sapore. Un bacio gentile, Fabio.
  • Eugenia Toschi il 28/01/2013 09:35
    Toccante realtà, dure verità da raccontare per no dimenticare. Un abbraccio.
  • Anonimo il 28/01/2013 08:44
    bisogna ricordare... bella e frte questa tua testimonianza scritta magistralmente, come solo tu sai fare TVB cara amica un bacio...
  • Antonio Garganese il 28/01/2013 08:28
    Storia toccante e ne hai fatto poesia. Da ricordare, senza aggiungere altre parole inutili. Buon giorno poetessa.
  • Anonimo il 28/01/2013 08:08
    Loretta, non sapevo di questa TUA tristissima storia. Ma allora chi più di te dovrebbe sentire nell'aria, sia pure non imminente, nuova "puzza di fascismo", ogni tanto emergente, e tutta l'esigenza di prevenirne qualsiasi ritorno, anche solo sotto mentite spoglie??

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0