PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Come gemme

Chiusi nei tunnel dei pensieri e dei timori,
trascinati dalle maree come alghe alla deriva.
Ma prudenti nell'aprire la porta dei desideri
per timore della loro dispersione,
saranno taciute nei silenzi del cuore.
E la risacca della luce lunare spazzerà
le gelosie, come fosse una farfalla
che sognava di colorare il mondo.
Le attese saranno come fili di aquiloni
che non porteranno lontano,
ma sarà solo la fantasia a volare,
come fa il tremolio del vento
che increspa il mare, o gli alberi della collina.
Ritornare sempre con la fantasia in quei luoghi
estivi come fanno le rondini che tornano
nei luoghi d'amore...

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • claudia checchi il 04/02/2013 22:40
    Grazie, bella definizione trovarvi delle fotografie conservate in un forziere... bel commento... ciao Fabio.
  • Fabio Solieri il 04/02/2013 20:34
    Quante belle fotografie in questa poesia, come tante gemme in un forziere.
  • claudia checchi il 31/01/2013 19:20
    vero, grazie antonio...
  • Antonio Garganese il 28/01/2013 23:56
    I ricordi si trascinano come maree in una sequenza di similitudini. Poi tutto torna sempre in direzione del sentimento che conta di più fra tutti.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0