username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Più gocce formano il mare

non mi do pace
pensando all'orribile
follia nazista
che generò l'olocausto,

inconcepibile la loro violenza
e legittimo trovo
il ricordare, per mai più dimenticare,
affinchè mai più simili orrori
si ripetano in terra.

Spesso però mi domando
cosa mai ci può aver insegnato
quell'amaro periodo, oramai storia,

se ancora nel mondo
diciannovemila bambini
muoiono ogni giorno,
di fame, di sete, di malattia?

Non è forse olocausto
anche questo?

Sordo il mondo appare,
la storia purtroppo sempre si ripete
e noi più delle volte
struzzi con la testa
sotto la sabbia, ad ignorare
trincerati dietro una frase di sufficienza,
in quel- tanto nulla possiamo fare--

però... una goccia unita ad altre gocce
forma il mare.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 02/02/2013 11:01
    Una riflessione a dir poco sublime, che merita meditazione sopratutto dai potenti di questa terra.
  • Rocco Michele LETTINI il 29/01/2013 08:16
    LA SORDITA' QUOTIDIANA DEL CUORE... TORMENTA IL MONDO...
    TANTA VERITA' NEL SUO TOCCANTE VERSEGGIO E TANTA AVVEDUTEZZA NE L'ASSERZIONE DI CHIUSA... IL MIO ELOGIO LORY...
  • Anonimo il 29/01/2013 07:52
    Hai ragione e ben detto amica mia.
    Io mi permetto di aggiungere che è esecrabile, ignobile, anche accettare che la gente, in una società democratica e civile come dicono che sia la nostra (personalmente ne dubito, ma è solo una mia idea), possa vivere senza lavoro, senza neanche gli spiccioli per pagare l'affitto di casa e per fare la spesa e per sopravvivere. Però sono costretti a far fronte all'Imu e ai tanti aumenti indifferenziati, barzelli vari che si sono inventati e che ipocritamente dicono che toglieranno dopo le elezioni.
    Tutto questo, mentre quelli che poi vorrebbero e dovrebbero cambiare le cose, a cui sta a cuore il benessere di tutti e s'indignano per la povertà, non rinunciano ai loro alti stipendi e non mollano neanche i finanziamenti che tutti avevamo bocciato con un referendum.
    E mi fermo qua, ma la cosa sarebbe molto più lunga.
    Spero soltanto che gli Italiani, che hanno memoria corta, si rendano conto che così non è vivere e ricordino che l'olocausto non finirà mai, finché l'uomo non sarà un valore essenziale, al centro di ogni altra cosa.
    Bravissima amica mia e scusa per lo sfogo!

10 commenti:

  • tabellina il 11/02/2013 23:10
    Bellissima! Anch'io mi meraviglio che l'uomo non impari mai dai suoi errori, e spero che i piccoli sforzi di ciascuno di noi producano qualche cambiamento, se siamo tanti, come le gocce del mare...
  • raffaella di vincenzo il 03/02/2013 19:56
    Bellissima ispirazione forse mediata da Madre Teresa di Calcutta: "Tutto quello che facciamo non è altro che una goccia nell'oceano, ma se non lo facciamo quella goccia mancherà per sempre"; un sentire poetico che ha molto della prosa, veramente bella.
  • Gianni Spadavecchia il 02/02/2013 06:32
    Bellissima chiusa e sagge parole, piaciuta!
  • Fabio Mancini il 01/02/2013 07:35
    Non tutti gli uomini hanno le identiche responsabilità. A chi è stato dato molto, verrà richiesto tanto. Che riflettano i nostri politici, i nostri imprenditori e i manipolatori della cultura. Io nel mio piccolo mi adopero... Un saluto gentile, Fabio.
  • Pietro Saltarelli il 31/01/2013 16:40
    Mirabile esposizione su ciò che dovrebbe costituire e rimanere un monito imperituro per la memoria dell'umanità. Un baluardo insormontabile per le generazioni future, chiamate a mai più ripetere una simil follia, un tal genocidio inenarrabile. Ma non se ne parla mai abbastanza e si tende a dimenticare, presi dallo scorrer del quotidiano. Ti Benedico per aver riportato all'attenzione di noi tutti questo tema. Bravissima...
  • karen tognini il 29/01/2013 12:00
  • laura il 29/01/2013 08:36
    una poesia meravigliosa Loretta! Purtroppo, l'uomo è capace di tanta violenza, di tanta cattiveria e la memoria è breve! Dimentichiamo troppo presto le crudeltà. Il mondo oggi non è migliore! Come dici tu, tante gocce formano il mare... ma bisogna avere la volontà e parecchia umiltà e bontà per fermarci e formare il mare! Una poesia veramente bella ciao
  • Antonio Garganese il 29/01/2013 07:50
    intendevo la natura umana.
  • Antonio Garganese il 29/01/2013 07:50
    La chiusa direbbe tutto ma... se queste cose continuano ad accadere vuol dire la natura ha in sé cose giuste e cose orrendamente sbagliate. La mia è una constatazione non rassegnata. Buon giorno poetessa.
  • Vincenzo Capitanucci il 29/01/2013 07:08
    L'olocausto... l'ologramma di una bolla immensa venuta a galla nel pentolone malefico in cui l'umanità cuoce... da secoli...

    Bravissima L'Or... il mondo è sempre sordo.. al dolore... anzi lo perpetua...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0