username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

L'uomo Poeta

Un giorno
dopo aver girovagato nella gabbia d'un matto in preda ai suoi demoni

l'uomo
cadde
nel sillogismo
di un profondo fosso

deducendo
di essere la metafora
di
una divina anfora

si ruppe
del corpo
qualche osso

errori
orrori

quando
si rialzò disarcionato dal vento di una bianca colomba si ritrovò a guardare il mondo da un canale televisivo

si stupì di sé stesso del banale del suo dire

da dietro un superno ponte di Rialto lasciando la parte alta del suo pensiero disarticolarsi nella snodata estinzione dal suo essere

si precipitò a scrivere un diario di libere associazioni verbali

da ieri a oggi il cammino fu lungo per non intromettersi più fra il cielo nascente di una parola ed il tramonto di un'altra

lasciando voce agli esseri ed alle cose

diventò Poeta

 

6
6 commenti     4 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

4 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 01/02/2013 21:05
    Le metafore che hai usato sono bellissime, puoi esprimere sentimenti, facendoli diventare parole che ne danno l'immagine... e la fantasia può spaziare e puoi provare emozioni...

    lasciando voce agli esseri ed alle cose
    diventò Poeta

    Bellissima Vincenzo... sei nato per la poesia...!!
  • Anonimo il 01/02/2013 11:49
    E fu così che il sillogismo finì dentro la metafora che, dopo qualche tempo, partorì tanti poeti che cominciarono a scrivere, a scrivere e, tanto per fare di quello che scrivevano, continuarono a scrivere!
    Vincè sei unico e sempre bravo!
  • marcello moiso il 01/02/2013 09:41
    Lasciare una traccia, dare la parola a chi non ce l'ha, trasmettere un emozione: Poesia.
    Molto originale.
  • Rocco Michele LETTINI il 01/02/2013 08:19
    DIETRO LA FANTASTICA SEQUELA DI VERSI... IL NASCERE DE LO POETA... ORIGINALMENTE FORGIATO... IL MIO ENCOMIO VINCÈ

6 commenti:

  • Anonimo il 01/02/2013 21:04
    Le metafore che hai usato sono bellissime, puoi esprimere sentimenti, facendoli diventare parole che ne danno l'immagine... e la fantasia può spaziare e puoi provare emozioni...

    lasciando voce agli esseri ed alle cose
    diventò Poeta

    Bellissima Vincenzo... sei nato per la poesia...!!
  • Alessandro il 01/02/2013 17:38
    L'uomo come metafora di una divina anfora. Questo è genio.
  • Anonimo il 01/02/2013 16:57
    ... e nacque il grande Vicenzo Capitanucci!

    Bellissima!
  • Anonimo il 01/02/2013 09:37
    lasciar nascere righe di pesia... tra dolori errori, cadute, sbagli... metafore bellissime intensa lirica grande vincenzo
    ps 3 commento spero che questo ti arrivi sempre peggio questo sito...
  • Anonimo il 01/02/2013 09:00
    Carissimo Vincenzo, vorrei commentare, ma sinceramente mi mancano i parametri di merito. La poesia, mi ha riportato alla lettura di Ulisse ( per me impenetrabile ) alle teorie di della log ica Aristotelica ) ma io povero scrfibacchino di semplici versi come posso dare un giudizio, io posso solo dire : ma che bella poesia!
    E questo faccio. Un caro saluto, Bruno.
  • Gentiana Marika il 01/02/2013 08:27
    Molto piaciuta... uno stile riflessivo tra metafore che colpiscono.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0