accedi   |   crea nuovo account

preghiera

Preghiera

Signore, Creatore e Padre,
Tu che hai soffiato su di noi il tuo alito divino,
Ti prego aiutami,
fammi ritrovare l’anima
persa nell’inseguire le false chimere
di una società permissiva,
senza freni, del dio denaro
e della lussuriosa Gommorra.
Tu Onnipotente, perdona,
l’ardire di chi indegno Ti si rivolge,
le mie non mantenute promesse,
le mie ricadute, le mie calunnie
e il continuo rinnegarti.
O Signore non mi abbandonare,
riconduci la mia anima a te,
apri il mio cuore alla penitenza,
rendimi docile e paziente,
aiutami a ritrovarmi nella Tua grazia

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

16 commenti:

  • Anonimo il 07/04/2010 19:54
    Caro Dario... mi inginocchio insieme a te in questa preghiera.
  • laura cuppone il 16/11/2008 00:08
    prego con te in questa dolce e spontanea peghiera...

    grazie
    Laura
  • Anonimo il 03/06/2008 10:56
    Commovente, condivido tutto o quasi, ma docile mai!
    Penso che Dio ti abbia ascoltato perché è dentro di te.
    nel
  • Emanuela Corciulo il 07/03/2008 14:28
    Dio ascolterà la tua richiesta di certo... ascolta sempre un cuore sincero..è un Dio buono e sempre pronto a perdonare... Lui ma ha salvata e può salvare anche te!!!
  • Martina Bianchi il 06/02/2008 18:21
    Anche se io non avrei mai potuto scrivere una poesia del genere ad un dio a mio parere immaginario, mi ha colpito questa eterna "mea culpa" associata ad una speranza così profonda... Ciò che dici della società è giusto ormai è diventata malata...
  • Martina Bianchi il 06/02/2008 18:20
    Anche se io non avrei mai potuto scrivere una poesia del genere ad un dio a mio parere immaginario, mi ha colpito questa eterna "mea culpa" associata ad una speranza così profonda... Ciò che dici della società è giusto ormai è diventata malata...
  • Cinzia Gargiulo il 27/09/2007 08:45
    Dio, che rispetta la nostra libertà, è lissù ad aspettare a braccia aperte che ritroviamo la strada che ci riconduce a lui.
    Coraggio
  • Ugo Mastrogiovanni il 22/09/2007 10:18
    Un “mea culpa” associato ad un’orazione che così proposta è un lodevole inno.
  • Arturo Vado il 06/09/2007 22:33
    Chi invoca l'aiuto divino viene ascoltato, chi prega viene esaudito, con la tua preghiera, bella e toccante, vedrai nulla si opporrà affinchè giunga a Lui.
  • Angela Maria Tiberi il 07/08/2007 20:46
    Dolce preghiera. Sappi che il Creatore è l'Uditore perfetto. Con stima, Angela
  • marilena rimpatriato il 01/08/2007 09:10
    Il SIgnore non aspettava altro che queste parole da te per abbracciarti e tenerti stretto a se. Non ti ha mai abbandonato; è sempre stato lì ad aspettarti anche se tu non ci facevi caso. Commovente la tua poesia.
  • sara rota il 01/08/2007 08:13
    Ognuno di noi nelle preghiere chiede aiuto al Signore ed è quello che leggo anche nella tua preghiera. Essendo il Signore dio così buono credo proprio che ti aiuterà e vedrai che presto ciò accadrà, anche solo attraverso piccoli segni. Con questa preghiera hai dimostrato a Lui la tua umiltà.
  • Anonimo il 30/07/2007 01:34
    Commovente preghiera, complimenti Dario.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0