PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Rintocco letale

Un quarto alle tre.
Il lampo profeta del tempo
segna l'ora nera di un suicidio...

Il bicchiere trema ancora,
la mia fragile mano ancora vede i tuoi ricordi:
quanti vuoti abbracci alle tende,
pensando di stringermi a te.

Dieci alle tre.
Il veleno allieta ancora il mio destino;
soffocando la vita in un sorso,
attendo il rintocco letale.

In quiete ascolto le danzanti ceneri:
questa foto è il ricordo più bello,
questo fuoco ora è quello che ho.

Cinque alle tre.
Le mie tracce di vita stroncate;
le emozioni corrose, e i ricordi sbiaditi
da un veleno che uccide anche me.

Qualcuno mi trovi un motivo per vivere!
Qualcuno restituisca un'anima
A questo corpo acido!
Il muto appello si spegne,
riecheggia informe,
si infrange sulle sorde mura
del mondo.

Tre. Ultimo colpo.

La tua foto ben stretta nel pugno,
vuoto il bicchiere, vuota la vita.

 

3
3 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 04/02/2013 20:19
    Sequela di rintocchi centellinando attimi di remoto che lasciano nel presente il vuoto di un bicchiere sinonimo di letale esistere... IL MIO ENCOMIO PEL TUO SUBLIM COSTRUTTO... IN UNA METAFORA IL VIVERE ASSENTE...

3 commenti:

  • Andrea il 04/02/2013 20:26
    grazie come sempre michele
  • Andrea il 04/02/2013 13:08
    grazie alessandro, apprezzo i tuoi giudizi dato che ti reputo uno dei più talentuosi poeti che ho potuto conoscere su PR... grazie ancora e a presto
  • Alessandro il 04/02/2013 12:34
    Rintocco profetico che segna la fine di ogni cosa, il bicchiere consumato sino in fondo, dove possiamo scorgere il riflesso dei nostri rimpianti. Piaciutissima.