PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Come ogni Madre

Giuseppe Giuseppe
chiamò la voce di Maria

da un velo di nubi

frantumando
nel sogno gli occhi dell'Angelo

giù
seppe
in fondo all'anima

come ogni Madre

di aspettare nel corpo

il frutto

il dono

l'equinozio primaverile di un divino Amore

 

6
2 commenti     4 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

4 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 05/02/2013 21:02
    Molto profonda e dolce poesia che esprime tutto l'Amore materno unico e solo sentimento condiviso pienamente... complimenti bellissima Vincenzo!
  • Anonimo il 05/02/2013 13:22
    Io il bene lo colgo ovunque mi appaia autentico, ma riconosco che il dono fattoci dal Cristianesimo con Dio che si fa uno di noi per essere con noi e, contemporaneamente, ci dona sua Madre, è veramente dono unico al mondo. E tu ce lo hai trasmesso con immediata intensità.
  • Anonimo il 05/02/2013 10:32
    Un frutto che sta nel cuore di ogni donna che si rende disponibile a questo dono di nascita e di rinascita.
    Un Giù che seppe e che condivise verso su per non rimanere giù.
    Bellissima Vincé!
  • Rocco Michele LETTINI il 05/02/2013 04:47
    UNA LODEVOLE SEQUELA D'ORGOGLIO MATERNO... IL MIO ELOGIO VINCENZO...

2 commenti:

  • Don Pompeo Mongiello il 05/02/2013 09:58
    Un laudo sincero per questa tua sublime!
  • Anonimo il 05/02/2013 07:03
    Bellissima Vincè. Questa tua mi ha preso il cuore!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0