accedi   |   crea nuovo account

Morte

In questo trapasso
il cielo ad un passo,
ho pagato tutto
e raccolgo il frutto.

Un canto solenne,
dolcezza perenne
apron le porte,
lontano le scorte.

Mi sento redento,
un fiore nel vento
che volteggia impazzito
nello spazio infinito.

Fisso la terra,
bagnata è la serra,
benedico col dito
il gusto saporito.

Il pianeta è lontano,
mi sembra strano
e con gran perizia
ritrovo amicizia.

Non ci speravo
mentre sognavo,
ora son coerente
animo bollente.

Sul fronte del porto
prima ero morto,
nel cielo sorgivo,
ora sono vivo!

 

8
6 commenti     4 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

4 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 05/02/2013 15:40
    Non ho paura della morte perchè l'ho sfiorata. Avevo 16 anni quando ho avuto un incidente gravissimo col motorino. Stavo morendo, sentivo una sensazione di pace, non mi rendevo conto della situazione... eppure mi sentivo bene, mi stavo addormentando dolcemente. Mi davano molto fastidio le sberle che mi dava il dottore per svegliarmi, volevo essere lasciata in pace. Da allora non ho avuto più paura della morte, perchè quando te ne stai andando, non te ne accorgi, non soffri. Credo che sia più forte la paura della paura di morire.

    Aurè, pensiamo alla vita... la vita è difficile e dura ma viviamola tutta, se la viviamo attimo per attimo, se sappiamo cogliere anche le cose belle... l'attimo sembra infinito...
    Molto bella la poesia!
  • Anonimo il 05/02/2013 10:42
    Alla fine, la speranza di continuare ad essere è più forte delle paure.
    Mi domando se, spesso, non abbiamo più paura che sia vera la vita oltre la morte, piuttosto che credere che finisca!
    Bravissimo Aurè!
  • vincent corbo il 05/02/2013 08:29
    La curiosità della morte... la paura... forse non è una cosa così terribile... forse è dolcezza, ritorno, sogno. Una bella poesia come questa.
  • Rocco Michele LETTINI il 05/02/2013 08:10
    QUARTINE IN RIMA BACIATA MIRABILMENTE COSTRUTTE...
    IL PENSIERO DE LA MORTE? PER UN POETA IMMORTALE POI?
    DAI AURO... ANCOR FELICI ABITEREMO LA CASA DI PR...
    IL MIO BUONGIORNO ALLORA... E IL MIO

6 commenti:

  • Alessandro il 05/02/2013 13:39
    Dopo il trapasso, una comprensione finale e totale e una sensazione di ultima pace. Poesia non facile, specie per quanto riguarda la speculazione sull'ascesa post-morte. I miei complimenti.
  • Anonimo il 05/02/2013 12:52
    Mentre inviavo il mio commento, un aforisma di Seneca, in alto, recitava <Vivi adesso>. Azzeccato anche il suo commento!!
  • Anonimo il 05/02/2013 12:46
    La vita non può essere finalizzata alla morte.
    La vita è fatta solo per la <vita vera>.
    BELLA.
  • anna rita pincopallo il 05/02/2013 10:38
    un viaggio che tutti affronteremo ma come dici tu ancora c'è tempo poesia simpatica
  • stella luce il 05/02/2013 07:45
    Brrrr... meglio le tue dolcezze... anche se quel viaggio lo faremo tutti... buona giornata
  • Auro Lezzi il 05/02/2013 07:44
    Non ho paura della morte... Almeno credo... Mi mette una certa curiosità... Ma c'è tanto tempo ancora...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0