PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Destarsi

Ripudia la compagna a lungo ambita,
congeda quell'ebbrezza di volare
e scordati la terra rinverdita:
il tuo tributo al giorno hai da versare.

Al Sole, l'ore perdon l'andatura.
Se gioia e speme il sonno ti ha donato,
in veglia piangerai d'egual misura;
sei desto e sei monarca spodestato.

Un raggio afoso, ingordo d'erosioni,
cancella l'orme d'ogni tuo volere.
Strappato dalle astrali dimensioni,
vacilla il sogno, pronto a decadere.

Un tempo eroe, ti scopri Don Chisciotte
nel quotidiano d'una vita scialba.
Il dolce ventre della madre notte
è sterile nel suo sudario d'alba.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

6 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • giuliano cimino il 09/02/2013 00:05
    la chiusa è meravigliosa come l'intera poesia, ma la chiusa, è di una bellezza visiva, poetica, metrica e notturnamente unica
  • Raffaele Arena il 08/02/2013 23:37
    Grande densità emotiva e stilisticamente piaciuta davvero tanto. Il tornare con i pidi per terra per un attimo o un milioni di anni di amore, che si scontano con gli interessi, quando questo pasa. L'ho sentita così- Piaicuta.
  • Anonimo il 06/02/2013 20:33
    Anche se amari, forti, ansiosi e malinconici questi versi sono veri perchè sentiti. Traspare in ogni strofa... Particolarmente toccante: grumi di pensieri! Bravo.
  • antonina il 06/02/2013 15:14
    Scontro tra realtà ed immaginazione. La vita reale è scialba ed è caratterizzata da una continua corsa, anche i piccoli sogni svaniscono nel nulla. Sognare diventa impulso di cambiamento, di speranza, di anelito a dimensioni idealizzate ma per troppo tempo lasciate nel cassetto dei rimpianti. La reltà è legata al sogno e non si può scindere. Bravissimo.
  • Anonimo il 06/02/2013 12:49
    Una realtà diversa da quella immaginata o sognata attraversata da un velo di pessimismo, ma forse è soltanto, indirettamente, un invito a non abbattersi quando ci si trova in situazioni simili.
    Bravissimo come sempre!
  • Rocco Michele LETTINI il 06/02/2013 12:31
    STRABILIANTE NE LA SUA LOGICA... IMPECCABILE NE LO SUO IMPIANTO METRICO... DA TE, SEMPRE IL MEGLIO, IL MIO ELOGIO ALESSANDRO...

10 commenti:

  • lidia filippi il 18/02/2013 19:42
    Adoro le rime e queste meravigliose quartine appagano il mio desiderio di leggere poesia! Versi profondi e malinconici che ben esprimono uno stato d'animo inquieto e un disagio interiore, una presa di coscienza... Un punto dal quale ripartire per risalire più forte di prima. Complimenti!
  • Gianni Spadavecchia il 08/02/2013 06:22
    Molto introspettiva e personale. Versi tristi e malinconici. Ma bravissimo Alessandro!
  • Don Pompeo Mongiello il 07/02/2013 12:11
    Un laudo per questa tua meraviglia!
  • Ugo Mastrogiovanni il 07/02/2013 09:23
    Un genere di tristezza e malessere, dovuti all'insorgenza di valori e desideri propri della vita sensibile di un giovane che cresce e desidera fortemente integrarsi in un mondo ancora non suo, di cui qualcosa gli sfugge, che tanto vorrebbe modellare a suo piacimento. Ottimo lo scheletro del verseggio, sicuro e scorrevole senza mai perdere di vista il soggetto esposto.
  • rosascarlatta il 06/02/2013 20:20
    Meravigliosa!!!!!
  • Anonimo il 06/02/2013 17:01
    Versi amari ma molto intensi... Poesia non facile, complimenti Alessandro.
  • silvia leuzzi il 06/02/2013 16:09
    Oh Alessandro mi piace questo tuo verseggiare usando un metro ABAB semplice e musicale per esprimere concetti molto profondi.
    Un canto al Sole mi pare di capire, anche tu affascinato da questo astro, tanto maschio e come tale un tempo sovrano ed ora un Don Chisciotte senza ronzino, ormai pallida immagine.
    Bella la chiusa con quel richiamo alla notte, come ad un ventre caldo, scuro e accogliente, qual fu quello da cui tutti proveniamo. Molto bella non so se c'ho preso nel mio sproloquio. Ciao e grazie per i tuoi commenti sempre puntuali ed intelligenti
  • Andrea il 06/02/2013 15:55
    veramente pregevole alessandro... voglio commentare la tua fantastica poesia con un verso del Pascoli sul sogno:
    IL SOGNO È L'INFINITA OMBRA DEL VERO
    detto questo, ancora una volta complimenti sinceri!!! a presto
  • loretta margherita citarei il 06/02/2013 15:34
    velata di pessimismo e amarezza, molto intensa, complimenti
  • stella luce il 06/02/2013 13:49
    versi molto forti ed intensi... ritrovarsi con una vita scialba senza un nulla nel domani...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0