accedi   |   crea nuovo account

La penna

In un tempo di tastiere
minuscole che non le puoi vedere.

Un mondo digitale
incapace di ascoltare
PC che funziona a fibre ottiche
quanto più conforme alle specifiche.

Distolgo lo sguardo e un'altra cosa faccio
e mi rivolgo dritto a quell'astuccio
color dorato, sembra cuoio inglese
non ricordo l'anno e neanche il mese
del tuo regalo, uno dei tuoi fra tanti
e sto pensando a te che non mi senti.

Inchiostro nero sopra un bianco foglio.
resta il bene e ancora te ne voglio,
andare a ritroso, rompere questo vetro
nessuno può, non si può tornare indietro.

Ma la penna resta, come il tuo ricordo
che non sparisce mai se io ti perdo.

 

4
9 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 09/02/2013 17:18
    Sentimentalismo autentico, ma anche praticità, spesso però anche le penne fanno cilecca e volare via fanno lo pensiero. Comunque bravissimo!
  • silvia leuzzi il 06/02/2013 15:51
    La penna, uno strumento, un semplice mezzo che apre l'orizzonte dei ricordi, quelli che fanno il tessuto vivo e sanguinante della nostra vita, quelli che ci fanno alzare e combattere con quella sottile tristezza, accennata e non gravata, da questi tuoi bellissimi versi. Bravo il mio amico Antonio.

9 commenti:

  • loretta margherita citarei il 07/02/2013 03:44
    la vecchia penna, amica fedele dei nostri pensieri da scrivere sula carta, piaciutissima
  • Anonimo il 06/02/2013 20:17
    ho dimenticato bravo m è piaciuta molto...
  • Anonimo il 06/02/2013 20:17
    antonio caro anch'io preferisco scrivere con carta e... matita tutte le bozze delle mie poesia sono scritte con carta e matita, con la gomma incorporata...
  • Anonimo il 06/02/2013 20:05
    Molto bella sentita e condivisa.
    Antonio, se tu potessi vedere la mia scrivania... ho penne e fogli dapertutto... ho conservato i quaderni dove scrivevo poesie, pieni di scarabocchi.. lo faccio tuttora. Non riesco a staccarmi dalla penna...è stata la mia compagna da sempre
    .
  • laura il 06/02/2013 16:58
    Non esistono pc, tasti e tecnologia che possa sostituire il calore dell'inchiostro su un foglio di carta! nella mano c'e' la nostra storia, la scrittura a mano ci fa sentire vicinio anche se siamo lontani e ci fa sentire la nostra personalità! I tuoi ricordi sono racchiusi in una penna e anche se tristi sono parte di te! Una poesia che mi ha toccata molto complimenti Antonio ciao
  • anna rita pincopallo il 06/02/2013 15:39
    un oggetto che sa dare quel calore ricco di ricordi sempre vivi nel cuore molto bella
  • stella luce il 06/02/2013 14:52
    Nell'era del digitale si è perso il senso del rapporto vero ed umano... gli oggetti conservano il ricordo delle persone che li hanno vissuti... bei versi
  • Alessandro il 06/02/2013 12:58
    Freddezza di un mondo digitale contrapposta al lato fisico dello scrivere e alla concretezza delle relazioni umane. Apprezzatissima.
  • Anonimo il 06/02/2013 12:57
    Un oggetto che vale molto per quello che rappresenta, al di là dell'utilità reale di oggi.
    Un oggetto carico del nostro vissuto, dei nostri ricordi che tornano.
    Molto bella Antonio!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0