username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Lo specchio

Dentro lo specchio
vedo il mio volto eterno
donna che lenisce le pene
e sutura tessuti
fili di seta e compassione.
Oggi ho rivisto la mia ombra
su quegli aghi lucidi e leggeri.
Chi potra dirmi che a questo ormai
ho detto addio?
Sento il passo della folla
che saluta
ed io sorveglio e aspetto...
ma come sono strani i miei capelli..
un momumento che esplode,
lo specchio del loro svanire
ormai non si sgomenta.
La mia mano la tendo
ora liberata dalla polpa
ma...
ho spazi nuovi
la dolcezza matura.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

4 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 07/02/2013 07:54
    stamattina come tutte le mattine sono andato a sbircisare le poesie pubblicate la sera prima, e leggendo le prime parole della tua ne sono subito rimasto rapito, hai scritto un capolavoro, parole che entrano nell'anima, dolci e tristi, sensibili e forti, scusa questa mia guerra di ossimori, ma la tua poesia mi ha davvero colpito molto...
  • marcello moiso il 06/02/2013 22:57
    Si, una gran bella poesia, con queste imaggini forti e sicure.
    Una conferma.. per me.
  • ciro giordano il 06/02/2013 20:51
    la serena accettazione del tempo che passa, l'immagine che mi ha colpito è quella dei capelli " un monumento che esplode", particolarissima perchè da l'idea di qualcosa che sembrava eterno, e che svanisce... e poi quella della folla, che è distante, quasi nell'ombra, come a dire che il suo giudizio non ti interessa più... e quella compassione che è forse la chiave, che aleggia tra le righe, come una nuova dolcezza... Insomma una poesia complessa, profonda, che dice molto...
  • Anonimo il 06/02/2013 20:44
    Versi introspettivi molto belli e profondi... Piaciutissima complimenti!!

11 commenti:

  • Anonimo il 12/02/2013 18:51
    Vorrei tanto sbagliarmi ma ho colto sofferenze fisiche che se fosse così mi auguro finite... i capelli che cadono, la mano scarna, la domanda fatta a te stessa se tutto sia finito... ma sento anche tanta forza in quegli " spazi nuovi " e a cesello dell'anima " la dolcezza matura ". Bellissimo specchiarsi interiore! Grazie Antonina!
  • antonina il 10/02/2013 11:20
    Ringrazio Carmela e Fabio per i loro meravigliosi commenti.
  • Fabio Magris il 09/02/2013 22:03
    Lo specchio riflette la nostra immagine, ma noi vediamo anche altro confrontando col mutar del tempo ed inoltre lo specchio ci rimanda anche espressioni che rivelano le sofferenze e dolori diversi. Il "tuo" modo di esporre è molto particolare ed è geniale a parer mio. Complimenti.
  • carmela marrazzo il 09/02/2013 08:29
    volevo dire "è stranamente più difficile"... ho cambiato la frase scrivendo e nn me ne sono accorta...
    ri-baci
    eos
  • carmela marrazzo il 09/02/2013 08:26
    è stranamente più facile provare compassione di sè che per gli altri soprattutto quando lo specchio ti rimanda l'immagine di una sconosciuta, nella quale non ti riconosci...
    gli occhi degli altri danno la misura di quanto il tuo dolore sia solo un fatto tuo e forse da questa consapevolezza di essere sola a soffrire che ci si apre a un sentimento di compassione e di amore verso se stessi...
    bella e coraggiosa... dal dolore alla serena accettazione è un lungo e difficile cammino, ma alla fine la "dolcezza matura" è una grande conquista.
    baci
    eos
  • antonina il 07/02/2013 22:04
    ringrazio Antoine, Marcello, Maurizio, Loretta ed Alessandro.
  • loretta margherita citarei il 07/02/2013 03:51
    bella la chiusa apprezzatissima
  • marcello moiso il 06/02/2013 23:03
    scusa.. volevo dire "immagini"
  • Alessandro il 06/02/2013 22:57
    Uno specchio che riflette non solo ciò che siamo, ma cosa sentiamo, cosa abbiamo avuto e forse ciò che avremo. Ottima.
  • antonina il 06/02/2013 22:39
    Grazie Maurizio.
  • antonina il 06/02/2013 22:38
    Caro Ciro, hai letto bene... la serena accettazione del tempo che passa. I capelli per noi donne sono l'immagine della bellezza, della femminilità ed è quella perdita che dona maggior dolore. Ma oltre questo i versi parlano anche dell'accettazione di un evento doloroso ed improvviso. Grazie.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0