accedi   |   crea nuovo account

Il bosco delle gravidanze

Ogni uomo
gravido dei suoi sensibili passi

dietro
ad ogni angolo di strada

inevitabilmente
incontra

il cammino del mondo

sull'orizzonte dei suoi occhi vanno a morire ed a vivere templi di emozioni

chirurgo
di un solitario demiurgo
si opera
urgentemente
con le proprie mani

artefice
troppo spesso

di una anestetica scelta

abbandona la dolorosa bellezza del suo essere in nascita addormentata in un bosco di spontanee rose

 

5
0 commenti     5 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

5 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • giuliano cimino il 09/02/2013 00:22
    versi pieni di fantasia e immaginazione come solo i migliori sanno scrivere
  • Anonimo il 08/02/2013 22:11
    Sempre splendido leggere i tuoi versi che rimangono impressi nella mente... Versi unici e stupendi... Bellissima Vincenzo!
  • Anonimo il 08/02/2013 22:08
    Sempre splendido leggere i tuoi versi che rimangono impressi nella mente... Versi unici e stupendi... Bellissima Vincenzo!
  • Rocco Michele LETTINI il 08/02/2013 09:07
    Un parto senza cesareo spontaneamente prodotto...
    AUTENTICO NEL TUO FECONDO POETAR... IL MIO ELOGIO E IL MIO
  • Anonimo il 08/02/2013 08:07
    Ogni uomo che non ha gravidanze isterico_cerebrali partorisce il chirurgo del demiurgo e tra un'idea e un ti purgo assapora rose e spine... lascio il bosco che non conosco.
    Vincè un bellissimo parto della tua fantasia creativa!

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0