PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

I faraoni

corrono di bocca in bocca
le mie cadenze maldestre
nel regno degli uguali e dei simili.

siamo solo il silenzio dell'uguaglianza,
schiavi della società che si lava
nella grandezza del Nilo
stringendo al petto il copricapo da faraone.

il fiume è palude di democrazia,
la costituzione terra arida senza prati,
è sparita l'ombra di alberi secolari.

qualcuno appunta una coccarda
sul petto spolpato di Lazzaro.

è il premio ai non più...
dopo la morte delle rondini.

 

1
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0