PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Il bruco della mela nella testa

assonata leggera stropicciata
ti adagio sul cuscino il mio macigno
rimiralo al tuo risveglio
scrutane le ruvide pareti
odi il suo sottil respiro, è il mio
ha imparato a custodirlo

t'avrei condotto nei miei pensieri

persino la più potente delle forze
si piega e non si spiega
di come tanto gelo possa fare breccia
in sordina, quatto e cheto

scruta il mio macigno
tutto curvo e irregolare da vicino
abbozzato, indefinito da lontano
ascoltalo, lui solo ti ha capito
sempre pronto a parlare e strabordare
ma del nulla. ecco cosa sei
e sei capace

ed io un fanciulla tremolante
rimasta arida, fin troppo infastidita
dalla sua sua favola svelata
da dolce e suadente trasformata
in una verità indigeribile

frigna si dispera poi si calma
solo alla fine si addormenta
partorendo così il suo macigno
neonato, certo, ma pur sempre
curvo e indefinito
col suo respiro caldo che fuma
sul cuscino

 

3
0 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Raffaele Arena il 17/02/2013 19:28
    Poesia introspettiva, e su qualcuno che ha deluso di brutto il tuo sentire. Piaciuta per l'originalità. Sentimento, contenuto, e metafora fuori metrica, mi pare. Poesia riuscita.

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0