accedi   |   crea nuovo account

Un verso all'amata

Fulva chioma con impeto meni
per le strade ancor vuote al mattino:
primo sguardo, e in cor mio meco vieni
con tal gaudio qual fossi bambino.

Gentil putto i tuoi dardi contieni
Pel disio di una donna in cammino:
ella meco, si tu non t'astieni
condurrò nel fiorito giardino.

O qual sogno, bellezza irradiata!
Calda mano mi stringe amorosa,
per veleno di freccia scoccata.

Non par fine cantar di lei in prosa!
Convien, vero, un bel verso all'amata
Che tra braccia, bramata, riposa.

 

2
1 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 10/02/2013 02:52
    Un soave lascito d'amoroso canto, in un sonetto pregno d'antico stile... mirabilmnte costrutto...
    SUBLIME NE LO TUTTO JIM... SERENA DOMENICA

1 commenti:

  • Andrea il 10/02/2013 23:35
    grazie mille come sempre michele per i tuoi commenti... ti auguro una buona settimana