username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Febbraio 28 de lo AD 1955

Lievi e muti
pian piano
dei fiocchi di neve
la terra baciavan;
tutto tacea
ner frettoloso cambio
de Sor giorno
co Sora Notte,
quanno un grido
l'aria squarciò
e l'ego meo
se presentò.

 

7
5 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 11/02/2013 18:43
    Un'anticipazione gradita... in una poesia: firma eccelsa di una persona raffinata...
  • Anonimo il 11/02/2013 15:44
    Mi piace quando parli di te. Bella poesia e ti anticipo gli auguri di cuore!
  • Anonimo il 11/02/2013 14:03
    Un giorno freddo per nascere un poeta dal cuore caldo. Auguri don!

5 commenti:

  • Rosarita De Martino il 24/09/2015 20:02
    Delicata è la visione della neve che cade simile a bambagia. Nel silenzio ovattato della natura il grido della vita che nasce promette giorni di speranza. Con simpatia. Rosarita
  • Ellebi il 12/02/2013 02:27
    Augurissimi, e complimenti per i bei versi a celebrazione di questa data. Saluti
  • Vincenzo Capitanucci il 11/02/2013 16:28
    Benvenuto al mondo Don... Sor giorno e Sora notte.. gridarono.. aiuto è nato un Poeta...
  • laura il 11/02/2013 14:45
    Tantissimi auguroni! una bella descrizione della tua nascita complimenti ciao
  • gio porta il 11/02/2013 14:31
    Mi piace... auguri!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0