accedi   |   crea nuovo account

Partenza

Cosa mi aspetto da questo viaggio,
cosa c’è di nascosto nella dolce paura dell’ignoto,
cosa mi riporta ai sogni di bambina, fragili e rosati,
cosa mi spaventa in quest’attesa,
cosa ricerco ansimante e palpitante?

Fremo di emozioni,
riflessa è la luna sui vetri,
nel silenzio ricerco risposte,
farfuglio pensieri,
intreccio sogni,
tesso fili di desideri…

L’alba è vicina,
procede a passi incerti il futuro,
nelle valigie di questo mio viaggio
porterò tutto questo …

 

0
7 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

7 commenti:

  • Salvatore Mercogliano il 24/03/2010 14:07
    Poesia emozionante, esile e dolce. Solo i versi finali non mi convincono molto.
  • Teodoro De Cesare il 26/04/2008 01:27
    i tuoi versi camminano bene... insieme a te
  • Susanna Melis il 23/01/2008 17:12
    Molto bella: descrive assai bene quello stato di attesa che rende ogni viaggio speciale. Brava!
  • sara rota il 07/09/2007 16:57
    Il viaggio è sempre ricco di mistero, di nuove scoperte... di cose vecchie, ma soprattutto di cose nuove. Un consiglio: non riempire troppo le valigie... da un viaggio si torna sempre cariche e non solo di cose materiali...
  • Teodoro De Cesare il 05/09/2007 19:40
    il viaggio è anche paura verso ciò che non si conosce e quindi emozione, attesa, amore: è una diversa dimensione comunque. Brava

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0