PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Sotto la fredda luna di febbraio

pur se bisognosi
di scuoter dalle spalle
il peso dei freddi mesi,
di prepararci all'arrivo della bella stagione,

sotto la fredda luna di febbraio,
tutto ancor appare spento, statico, informe.


Imperla la rorida brina
gli arbusti, la bruna terra,
spessa la neve sui monti,
schiaffi d'algida tramontana
spezzano sogni di sole.

Ma se lo sguardo
con attenzione intorno volgiamo,
ben ci si accorge che l'inverno
ha scolpito nel viso
un sogno di primavera.

Già le lumache lasciano le tane,
l'ape operosa s'è risvegliata,
sempre più intenso il volar degli uccelli,
lieto zirla al mattino il merlo,
crochi, primule, bucaneve
rompono l'indugio nei giardini,
s'ingrossano i ventri delle gemme
sui rami.

Par che nell'aria
vibri una benedizione
che gioia
recherà agli stanchi cuori,
quando tutto risorgerà
al bacio del marzolino sole.

 

7
4 commenti     7 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

7 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Ettore Vita il 18/02/2013 20:53
    Pennellate di natura piene di vita e di attesa per la primavera.
    Un lento risveglio come una gestazione che ha in s'è la vita.
    Anche l'inverno ha scolpito nel viso un sogno di primavera.
    Si dice che a febbraio, il giorno di San Valentino, gli uccelli iniziano a fare l'amore... Bella e gradevole.
  • Don Pompeo Mongiello il 18/02/2013 14:29
    Laudando la tua tanto meritevole, ricambio gli auguri.
  • Alessandro il 17/02/2013 23:38
    L'inverno che ha scolpito nel viso un sogno di primavera. Versi sublimi, il nascere di una calda speranza oltre la fredda scorza della desolazione. I raggi del futuro che fendono l'oscurità del presente.
  • Raffaele Arena il 17/02/2013 19:08
    Solo ai tanti cuori sensibili, tra i quali il tuo, questo periodo assume la bellezza e anche il timore di una nuova stagione. Anche se vere stagioni da tempo mi pare di non viverne più, considerato il passaggio troppo repentino dal caldo al freddo e viceversa. Bellissima nel sentire e nella descrizione dove ogni verso sembra dato come una pennellata di una tela impressionista, o paesaggista ma più sensibile. Assai piaciuta, grazie!
  • Anonimo il 17/02/2013 15:54
    Bellissima Lor, sotto il marzolino sole si sveglia tutta la natura per stupirci, ancora una volta, e per donarci la gioia di sentirci come tornati a vivere.
    Bravissima, amica mia!
  • Rocco Michele LETTINI il 17/02/2013 11:14
    IL RISVEGLIO IN VERSI LO DEFINIREI...
    ASPETTANDO I COLORI E LE NOTE DEL SOAVE GIORNO... LA PRMAVERA!
    LA MIA LODE LORY... SEMPRE DAL TUO OCCHIO... IL NITIDO...
  • Auro Lezzi il 17/02/2013 11:08
    "sotto la fredda luna di febbraio,
    tutto ancor appare spento, statico, informe."
    Sarà... Ma tu che ci stai a fare.. Non sminuirti mia cara.

4 commenti:

  • Gianni Spadavecchia il 18/02/2013 13:45
    Bella chiusa, affascinante inizio! Brava.
  • Anonimo il 17/02/2013 19:58
    Stupenda e intensa... bellissima!!
  • Anonimo il 17/02/2013 18:58
    brava lor una bucolica lirica con una natura pronta al risveglio bellissima metafora un bacio cara amica TBV
  • roberto caterina il 17/02/2013 11:26
    la meraviglia della natura nel marzolino sole..

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0