PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

A te, come altri che soffrono, ma per me speciale

Così sofferente, per troppa
e ingiusta, tristezza sopportata
cuore aperto e allegro alla vita

ora costretta per colpa anche mia
a un esistenza di continua sofferenza
a un esistenza insostenibile che Ti porta

verso un sentiero dove finalmente
tu possa trovar un luogo di luce arancio
pace per ritornare forte e guerriera.

Piango lacrime sincere
perdo le parole e non vorrei
mai più ritrovarle,

che non hanno senso se non ti sento
che non hanno senso, senza che sei felice.
Che io mio coraggio mancato,
quasi come esser mai nato,

ci ha portato in questo stato,
e fortemente cerco
di creare un luogo sereno.

Che di patir non ne puoi più
che il tuo dolor sento nel cuore
che il mio dolor ricevi.

Che questa vita compresa
in una giostra con la morte
fà urlar di dolore chi non lo merita
e sorrider maligni i malvagi.

Che tu possa affrontar senza dolore
come una passeggiata all'aria aperta
incantando con il tuo sorriso candido
questi attimi o anni, che ancora hai avanti.

 

6
7 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Ettore Vita il 17/02/2013 17:13
    La sofferenza è cosmica, attanaglia buoni e cattivi.
    E ogni sofferenza è anche nostra; non domandarti per chi suona la campana, essa suona anche per te. Scriveva un grande scrittore.
    Ogni sofferenza è anche colpa nostra che facciamo parte dell'insieme.
  • Rocco Michele LETTINI il 17/02/2013 14:39
    UNA DEDICA PERSONALIZZATA CHE EVIDENZIA IL MESTO FLUIRE DI UN ESSERE TOCCATO DALLA SOFFERENZA... MESTA E PROFONDA NELLA SUA SEQUELA... CORAGGIO RAFFAELE
  • silvia leuzzi il 17/02/2013 14:08
    In una delicata combinazione di lessemi hai rappresentato il dolore umano e l'ingiustizia che attanaglia i deboli e blandisce i forti. L'impotenza davanti al dolore è un grido sommesso e pieno di speranza. Bella

7 commenti:

  • denny red. il 18/02/2013 00:27
    Intensa.. molto ben scritta e.. Bella. Bravo Raffaele.
  • Alessandro il 17/02/2013 23:40
    Dedica empatica di chi soffre, a chi soffre. Una connessione tra anime in pena. Poesia mirabile, all'apice dell'umana compassione.
  • Anonimo il 17/02/2013 19:03
    bellissima dedica delicata e piena di sentimento... soffrire anche per altri un atto nobile, come sei tu caro amico complimenti
  • silvana capelli il 17/02/2013 19:01
    Poesia intrisa di sofferenza e tanto dolore, mescolato con la rabbia per chi non s'accorge o fanno finta che il dolore non esista.
    Ma nessuno è esente al dolore, fa parte della vita, so che non è semplice accettare tali situazioni, ma se tu guardi più in alto, vivi il tuo dolore con meno sofferenza. Ti sono vicina, coraggio Raffaele, un abbraccio, un caro saluto
  • karen tognini il 17/02/2013 18:18
    Molto vera.. bella nel suo dolore...
    bravo...
  • loretta margherita citarei il 17/02/2013 15:51
    toccante, molto intensa, apprezzatissima
  • Anna Raccardi il 17/02/2013 13:40
    poesia molto triste è sentita piaciutissima complimenti

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0