accedi   |   crea nuovo account

Detestabili le notti d'inverno

sono così detestabili e deserte
alcune notti d 'inverno,
che vorrei prendere sottobraccio
la luna per rischiarare
gli oscuri pensieri
che affollano la mente,

zittire il loro fitto chiacchiericcio
che evocando dolorosi ricordi,
l'animo mio rattrista.

A cagione di ciò odio l'inverno
e le sue lunghe notti
che mi costringono a pensare
alle cose passate
dalle quali
vorrei definitivamente affrancarmi

e ardentemente desidero
che presto torni la primavera
che fine porrà alle miserie notturne,


per tornare a formulare
uno, cento, mille e mille sogni

come fiumi fluenti a travolgermi,
come tamburi a scuotermi dentro,
ridestando in me nuova vita.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

5 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 19/02/2013 08:59
    Cara Lor, l'inverno è ancor più freddo quando ci sentiamo soli, il gelo è dentro di noi... ma è bellissima l'idea della Pincopallo... una sera ci mangiamo un enorme polenta e salciccia con un buon bicchiere di vino davanti al camino così ci scaldiamo tutti in onore alla nostra Amicizia!
  • Rocco Michele LETTINI il 19/02/2013 08:13
    Un encomio come recensione... BRAVA LORY
  • Anonimo il 19/02/2013 08:13
    Come ti capisco Lorè! La stagione fredda mi opprime, mi dà un senso di angoscia che poi, dalla primavera, torna a svanire. Sarà forse l'effetto del calore, della luce, che mi dà un senso di vita, di gioia e la voglia di continuare ad andare sempre avanti!
    Bellissima poesia, amica mia, sentita e condivisa.
  • Auro Lezzi il 19/02/2013 06:25
    bhèèè da una fanciulla SOLARE come te me sembra quasi ovvio.. Ciau piccolo sole.
  • vincent corbo il 19/02/2013 06:17
    è una bellissima poesia ma devo confessarti che io amo quelle notti, quelle sensazioni, il senso di oppressione: sarà un leggero masochismo? il fascino delle cose morte? boh... sta di fatto che, anche se la primavera rappresenta il trionfo della vita e della luce, qualcosa di forte mi lega all'inverno (forse perchè sono nato nel mese di gennaio... era una fredda giornata di neve).

10 commenti:

  • Alessandro il 19/02/2013 23:36
    Notti d'inverno, gelide e misere. Chiusa che auspica l'ardente resurrezione del sogno.
  • giuseppe gianpaolo casarini il 19/02/2013 12:47
    Bella e intensa riflessione..

    brava!
  • Anonimo il 19/02/2013 12:44
    Bellissima introspezione... apprezzatissima brava!
  • laura il 19/02/2013 09:09
    Le notti invernali sono così lunghe e gelide, sembrano infinite non vogliono passare! Ma arriverà anche il caldo piacevole della primavera e l notti saranno più belle, saranno pine di sogni e speranze... una poesia molto bella Loretta, complimenti davvero! un saluto
  • Anonimo il 19/02/2013 09:00
    Dimenticavo... Bellissima poesia mitica Lor!
  • Rocco Michele LETTINI il 19/02/2013 08:12
    ..."per tornare a formulare
    uno, cento, mille e mille sogni
    ridestando in me nuova vita".

    L'INVERNO E IL NOSTRO SOGNARE (a non tutti piace) TRA IL DETESTABILE E IL NON... IN UN VERSICOLARE CHE ONORA IL TUO STILE LORY... LA MIA LODE
  • Antonio Garganese il 19/02/2013 08:05
    Una riflessione che si chiude con due similitudini piene di speranza. Buon giorno poetessa.
  • anna rita pincopallo il 19/02/2013 08:03
    certo la primavera è vita sole caldo, ma secondo me serve anche l'inverno, quale sensazione migliore di stare davanti a un camino
    scoppiettante con salsicce polenta e vino bravissima come sempre
  • bruno guidotti il 19/02/2013 06:37
    Ciao Carissima Loretta. Ho letto ed apprezzato i tuoi versi. Il tema è soggettivo, io Settembrino: amo l'autunno con i suoi colori avviliti, e dalle atmosfere sfumate. Comunque complimenti per la poesia, e che si sbrighi a passare questo freddo e triste inverno. Un abbraccio, Bruno.
  • Vincenzo Capitanucci il 19/02/2013 06:31
    Bellissima l'Or... ma qual miglior tempo per sognare... a future primavere... che una notte d'inverno..

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0