PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

A Michele

Un destino quasi uguale ci rende
fragili e capillari
smossi dai nostri giochi di bimbo
da voci si forti ma familiari
alzammo lo sguardo sin sulla collina
ma nessun dai due l'arrampicava
il peso a noi dato era greve
per due fragili corpi
ma l'anime forti
quelle dei cavalieri!
La spada alla spalla la mise un buon Re
senza lo regno in sto mondo duro
Così ci alzammo e trovammo lo sguardo tuo
in quello mio
e in quello mio lo tuo.
Ancor non scaliamo quella collina
or che potremmo
si, a nulla ora serve
che siamo trovati.

 

2
4 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • stella luce il 23/02/2013 08:19
    Una dedica fatta col cuore per un poeta che come questi versi ha tanto valore...
  • Rocco Michele LETTINI il 19/02/2013 19:51
    Non posso non ringraziarti Franco... visto che siamo entrambi perseguitati da un ostile vivere... Una poesia vera... Il mio elogio

4 commenti:

  • Nadia il 05/07/2014 16:42
    Oddio, ma è bellissima!
  • Don Pompeo Mongiello il 22/02/2013 08:48
    Mi associo a Viola e a sua volta ti faccio i miei complimenti!
  • rescaldani franco il 19/02/2013 21:20
    GRAZIE!
  • viola il 19/02/2013 20:38
    Una bellissima dedica fatta col cuore. Bravo Franco

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0