PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Cielo rosso

Appena sveglio guardo il cielo: è rosso
nube non più bianca, coltre spessa.

Povera gente, che voleva trovar pane
ha in mano il fumo di certe storie strane

storia di un sudore vero
annegato del tutto in fondo ad un mare nero.

Liberi solamente di soffrire
e si ringrazia se non ti vuoi ammalare
terra fra mari che non vuol cambiare
sei un fermo immagine che non si vuol bloccare.

Ma nel finale sta nascosto quel che è meglio
forse indolente ma sicuro c'è il tuo orgoglio,
quello che chi sta fuori non saprà capire
quando lo vivi, ti saprà abbracciare.

Tra giovani e vecchi troveremo un nesso
se cogli un bacio sotto un cielo rosso.

 

4
8 commenti     4 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

4 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 22/02/2013 09:20
    Un plauso sincero e dovuto per questa tua eccezionale davvero!
  • silvia leuzzi il 20/02/2013 22:05
    Toccato con garbo un tema drammaticamente attuale, che la sbornia elettorale sta cercando di insabbiare. Taranto e l'Ilva, il suo cielo rosso carico di morte e di dolore. La speranza è quella di un cuore semplice e leale, cresciuto tra un sorriso e una carezza
  • stella luce il 20/02/2013 21:53
    versi molto dolorosi e inizialmente di molta sfiducia... ma come dici nel finale fino a quando si ci troverà sotto a quel cielo si potrà sperare di vedere i sogni divenire realtà...
  • Rocco Michele LETTINI il 20/02/2013 07:51
    sempre un'encomiabile sequela da apprezzare... IL MIO ELOGIO ANTONIO... UNA METAFORA DI VERITA' COME DISTICO DI CHIUSA... IL MIO ELOGIO

8 commenti:

  • Ugo Mastrogiovanni il 21/02/2013 11:24
    Argomento tristemente attuale messo in versi con cura e grande partecipazione.
  • Alessandro il 20/02/2013 23:47
    Fatiche e sofferenze che travalicano, e avvicinano, ogni generazione, di chi ha ingoiato sudore e si è spezzato la schiena per un tozzo di pane, l'unica libertà è quella di patire. Ottima nella sua fatalità.
  • loretta margherita citarei il 20/02/2013 20:02
    bello il tuo verseggiare, complimenti antonio
  • laura il 20/02/2013 10:44
    Una poesia piena di speranza che va coltivata sempre. Nei momenti brutti, in cui tutto sembra perduto, bisogna credere che arriverà a splendere il sole. Il finale è il nucleo di tutto il tuo scritto! Complimenti Antonio Bella!
  • Eugenia Toschi il 20/02/2013 10:22
    La tristezza di un cuore che desidera sperare... molto bella
  • Laura sansone il 20/02/2013 10:05
    ho capito che sei di Taranto o dintorni, una terra che amo, che nei tuoi versi ho ritrovato... piaciuta!!!
  • Anonimo il 20/02/2013 09:38
    Torna la spina nel fianco per la tua terra... ILVA e lavoro perso, malattie e disatri ambientali ma gli ultimi versi sono di speranza: guai a perderla! Un caro saluto Antonio.
  • bruno guidotti il 20/02/2013 07:31
    Che ben venga questo tuo cielo rosso, sotto il quale coglieremo il nesso. Bella ed incitante poesia.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0