username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Stima sgualcita.

Sto aspettando di ricominciare.
Troppo laureata.
Troppo donna.
... fidanzata?
No, Disoccupata.

Ruggisco e ripiego
con la mia stima sgualcita
mentre il mio conto
sfiorisce
come il valore che posso
dimostrare.

E a chi mi chiede
qual'è il mio nome,
e cosa faccio,
cosa faccio nella vita,
abbasso lo sguardo
e sussurro:

sto aspettando di ricominciare.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

14 commenti:

  • Salvatore Ferranti il 20/10/2009 11:28
    bei versi. cinque stelline... nelle tue parole mi rivedo... sono anch'io cosi. grazie
  • Romina Cesari il 04/11/2007 16:36
    ... saper di poter ricominciare è l'unica cosa per cui vale la pena vivere a pieno ogni emozione e situazione... e nessuno è in grado di ricominciare come una donna... vera. Romy
  • Diana Moretti il 25/09/2007 13:46
    Hai ragione Sara.. anche io la penso così.. A rileggersi. Dia
  • sara rota il 25/09/2007 12:06
    Ricominciare è come scoprire un nuovo se stesso. Brava.
  • Ivan Benassi il 10/08/2007 00:44
    È bellissima, in poche righe... Brava.
    PS. Continua a ruggire. Ciao.
  • Diana Moretti il 08/08/2007 22:12
    Gigi il troppo "donna" non rifletteva il mio punto di vista ma quello di un ipotetico datore di lavoro.. io sono fiera di essere donna .. a rileggersi. Dia
  • luigi deluca il 08/08/2007 21:40
    Mai abbastanza "Donna" mai disistima di se stessi!
    Vada per i momenti di m...
    che la vita ci regala a profusione, ma non minare mai la stima di te stessa, tu vali in quanto esisti! TU VALI! Gigi
  • Diana Moretti il 04/08/2007 09:34
    Grazie Lisa..
  • Diana Moretti il 03/08/2007 19:36
    Veramente Enrico più che pessimismo volevo descrivere il disagio in generale di quando si è disoccupati, il senso di impotenza.. voleva anche essere una sottile critica riguardo a come gli altri ti giudicano (nel mondo del lavoro come nel privato) e come il lavoro non sia poi meramente un mezzo per fare i soldi (anche se gli altri tendono a giudicarti dal tuo stipendio) ma sia molto di più .. quasi la nostra identità.. in un certo qual modo.. certo il punto di vista è quello di una persona che non trova lavoro.. ovvio è un po' sconfortante.. Dia
  • enrico ziohenry il 03/08/2007 17:48
    il pessimismo non aiuta, l'autostima si. il resto viene da solo. triste

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0