username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Solitudine

Solo come un cane
Ombre di pianto crescono in me
L'anima mia non trova pace quassù
Insieme ad essa son morto
Te l'avevo detto amor mio
Una volta sola passa la morte
Da quassù non si torna più indietro
Inutile chiamarmi
Non avrò udito per sentirti
E non avrò modo per amarti ancora

 

3
4 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 03/04/2013 13:52
    Nella sua tristezza una rivelazione da prendere in considerazione. Complimenti!
  • stella luce il 23/02/2013 07:43
    La morte passa una volta sola??? Forse... bei versi anche se profondamente tristi
  • Rocco Michele LETTINI il 21/02/2013 21:37
    Hai forgiato diligentemente una sequela che mette a nudo le tenebre del viver solingo... IL MIO ELOGIO STEFANO...

4 commenti:

  • Anonimo il 04/03/2013 14:39
    la solitudine ti isola, la nstra caducità e graglità espressa in un dell'acrostico bravo stefano
  • Ada FIRINO il 25/02/2013 17:35
    Bell'acrostico davvero, amaro e veritiero! Rimpianto per non aver modo d'amare ancora la persona cara. Si, mi piace!
  • Centrone Stefano il 22/02/2013 15:36
    Grazie amici miei per i vostri commenti.
    A presto!! a tutti!
  • Alessandro il 21/02/2013 23:47
    Profonda consapevolezza della nostra fragile esistenza, dall'aldilà non si torna indietro.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0